Tartufo Trail Running: la cronaca delle 4 gare

Di GIANCARLO COSTA ,

Tartufo Trail Running (foto organizzazione) (1)
Tartufo Trail Running (foto organizzazione) (1)

Anche quest’anno è stato raggiunto il sold-out con il numero massimo di iscrizioni accettate stabilito in 500. Atleti provenienti da 16 Nazioni e 64 Province d’Italia si sono confrontati sui 4 percorsi della Tartufo Trail Running ® , sentieri storici attraverso le terre del Tartufo Nero di Fragno che l’UNESCO ha inserito nella Riserva MaB dell’Appennino Tosco-Emiliano.
Grande spettacolo a Calestano (PR) per la 12a edizione del Tartufo Trail Running. Guardando le starting list, molti appassionati si chiedevano se per caso erano di fronte a una prova delle World Series, vista la qualità generale e a conti fatti la gara ha mantenuto completamente le attese, grazie anche alle perfette condizioni atmosferiche ideali per l’evento, facente parte delle Skyrunner Italy Series come anche del Trofeo Agisko - Appennino Trail Cup.

Nella gara principale, sui 77,8 km ormai divenuti classici per lo skyrunning italiano con 4.180 metri di dislivello, Riccardo Montani ha confermato di vivere un momento di forma magico, lasciando inizialmente sfogare Luca Carrara per poi prendere il largo dopo un terzo di gara e concludere in 7h16’55” con 23’02” sullo svedese Carl Johan Sörman, mentre Carrara ha concluso al terzo posto a 44’45”. Altro personaggio che sta collezionando successi a ripetizione è Cecilia Pedroni, settima assoluta e prima fra le donne in 9h21’55”, battendo di quasi un’ora (59’33” per la precisione) l’altra grande favorita Cristiana Follador,

Cristian Minoggio ha bagnato con una vittoria il suo fresco titolo europeo di Skymarathon aggiudicandosi la prova sui 51,7 km per 2.530 metri andando in fuga già nelle battute iniziali. Seconda posizione per Simone Corsini a 24’03”, terzo Giulio Piana a 36’24”. Fra le donne prima posizione per Giulia La Buba Vinco in 5h53’09”, a 29’26” è giunta Simona Magnesa, terza a 41’07” Marta Poretti.

Mezzofondisti africani protagonisti delle prove più brevi: nella 28,4 km per 1.370 metri vittoria al kenyano Dennis Bosire in 2h19’53” con 15’26” su Alessio Vorti e 15’33” su Nicolò Cantoni, in campo femminile prima Giulia Botti in 2h58’32”, alle sue spalle Valentina Pippo a 4’05” e Sonia Ugolini a 22’20”.
Nella 17,8 km per 930 metri doppietta ruandese: in campo maschile l’ha spuntata Jean Baptiste Simukeka in 1h23’29”, a seguire Alessio Gotti a 36” e Loris Zanni a 7’19”, in quello femminile Primitive Niyirora in 1h37’46”, seguita da Sabrina Polito a 8’39” e Veronica Riccio a 17’58”.

Le splendide condizioni climatiche hanno favorito una numerosa partecipazione nell’arco delle 4 gare, consentendo anche di ammirare un tracciato decisamente affascinante lungo l’arco appenninico emiliano. Grandi apprezzamenti a fine gara per l’impegno della Skyrunning Adventure e dei tanti volontari impiegati nell’organizzazione, pronta a rituffarsi il prossimo anno in un evento sempre più dal sapore internazionale.
Fonte organizzazione

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti