Pronti alla partenza al Boa Vista Ultra Trail

Di GIANCARLO COSTA ,

Volantino Boa Vista Ultra Trail
Volantino Boa Vista Ultra Trail

L’acqua cristallina, il candore della sabbia e il cielo azzurro. Così Boa Vista, l’isola più piccola ma anche più affascinante e straordinaria dell’arcipelago di Capo Verde, accoglierà i concorrenti che parteciperanno alla Boa Vista Ultra Trail; gara organizzata dal Friesian Team, in collaborazione con il Boa Vista Marathon Club, che prenderà il via alle prime luci dell’alba di sabato 2 dicembre.
La starting list della diciassettesima edizione conta un totale di 43 iscritti, provenienti da otto nazioni. Agli intrepidi corridori capoverdiani, che da sempre considerano la Boa Vista Ultra Trail uno degli appuntamenti più importanti dell’anno, si aggiungono provenienti da: Italia, Austria, Olanda, Gran Bretagna, Germania, Spagna e Polonia. La maggior parte di questi sfiderà i propri limiti e gli avversari nella Ultra Marathon, che vedrà i 16 concorrenti correre per 150 chilometri lungo tutto il perimetro dell’isola, completamente immersi nel blu dell’oceano, il bianco del deserto e il grigio delle pietre. Sette, invece, gli atleti che si confronteranno lungo i 70 chilometri previsti dalla Salt Marathon sino al traguardo situato in prossimità di una vecchia salina dell’isola. Gare, queste, valevoli come prove di qualificazione per l’edizione 2018 della Ultra Trail du Mont Blanc e che assegnano, rispettivamente, cinque e due punti ai concorrenti. Nessun punto, ma la promessa di godere di scenari unici e mozzafiato, per i 20 partecipanti della Eco Marathon che potranno godere per ben 42 chilometri della bellezza unica e travolgente dell’isola.

Gli animi degli atleti, che fremono già da parecchi giorni, si scalderanno durante il briefing e il controllo dei materiali previsti durante la giornata di venerdì 1 dicembre per poi esplodere nella mattinata di sabato 2 dicembre quando, alle ore 7, si posizioneranno sulla linea di partenza posta a Sal Rei. L’uomo da battere sarà ancora lui, il friulano Ivan Zufferli, che nella passata edizione ha concluso l’Ultra Marathon in 19 ore e 29 minuti e che quest’anno cercherà di portarsi a casa la sua terza vittoria. Tra i presenti anche Caimmi Stefania – vincitrice al femminile dell’edizione 2016 della Salt Marathon – e Giulia Saggin, terza classificata all’Orobie Ultra-Trail e unica donna presente tra gli iscritti della Ultra Marathon. I primi concorrenti del tracciato di 150 chilometri sono attesi entro le 24 ore mentre per gli ultimi il tempo limite è di 40 ore. Il tempo massimo di percorrenza per i partecipanti della Salt Marathon e della Eco Marathon è, invece, di 16 e 10 ore rispettivamente. Ogni atleta, dato che la gara si svolge in completa autonomia e autosufficienza, dovrà essere dotato di una riserva alimentare adeguata alla lunghezza del percorso scelto e di un road book, fornito dall’organizzazione, sul quale sono indicati tutti i punti di controllo, ove è anche possibile fare rifornimento d’acqua.
Le premiazioni si svolgeranno lunedì 4 dicembre, quando fatica e sudore lasceranno spazio alle emozioni e alla soddisfazione di essere riusciti a superare i propri limiti in un posto esclusivo, partecipando a una gara, quella della Boa Vista Ultra Trail, assolutamente unica nel suo genere.

Fonte Ufficio stampa Boa Vista Ultra Trail

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti