A Premana gli azzurri all’assalto del titolo mondiale Long Distance di Corsa in Montagna

Di GIANCARLO COSTA ,

Alessandro Rambaldini Campione Mondiale corsa in montagna lunghe distanze (foto fb mountain running italian team)
Alessandro Rambaldini Campione Mondiale corsa in montagna lunghe distanze (foto fb mountain running italian team)

Per far comprendere appieno ai non addetti ai lavori cosa significhi competere al Campionato del Mondo long distance di corsa in montagna di Premana, alias Giir di Mont, basterebbe prendere un manto stradale in piano, allungarlo a 32 km, stravolgerlo totalmente con 2400 metri di dislivello da percorrere al massimo delle proprie possibilità, ed aggiungerci impennate vertiginose, discese impegnative lungo sentieri spesso sconnessi o scoscesi fra gli alpeggi della provincia di Lecco, terreni che trasudano storia e passione per questa disciplina come nessun altro nel mondo, alle cui estremità vi saranno una miriade di appassionati e tifosi che dal primo all’ultimo inciteranno i corridori ad “elevarsi” giocando (assieme alla calura) un ruolo fondamentale ai fini del sostegno psicologico nei confronti degli atleti.

E domenica 6 agosto l’apice delle capacità umane verrà espresso sia dagli oltre cento campioni del mountain running internazionale, sia dai quattrocento amatori che hanno scelto ancora una volta il Giir di Mont.
L’evento verrà aperto domani alle ore 17 a Premana (LC) con la cerimonia d’apertura, da sempre affollatissima, e la presentazione ufficiale delle 25 squadre nazionali e dei top runners. Domenica invece la partenza del 14° World Mountain Running Championships avverrà alle ore 8, mentre gli amatori del Giir di Mont FIDAL scatteranno mezz’ora più tardi.

Fra i maschi “mondiali” il favorito d’obbligo è sempre il campione uscente, ed è un atleta di nazionalità italiana: Alessandro Rambaldini. Ma l’azzurro dovrà fare i conti con la stella assoluta, l’eritreo Petro Mamu, leggenda della corsa che domenica scorsa ha deciso di cimentarsi anche nell’itinerario classic premanese, non sfigurando di certo e giungendo alle spalle delle gazzelle ugandesi e dell’americano (allora) campione in carica Joe Gray. Mamu detiene anche il record del Giir di Mont, dunque le aspettative saranno tutte sulle sue spalle minute, ma psicologicamente grandi. La pressione è tanta anche per gli altri azzurri, incaricati di tenere in Italia l’oro a squadre, vista anche la location che merita davvero. Altri favoriti d’obbligo saranno il francese Julien Rancon, volto storico della disciplina che, come la maggior parte dei top atleti, ha già corso a Premana e di conseguenza ha fatto tesoro dell’esperienza. Un altro che conosce bene il percorso è Tom Owens, uno che per caratteristiche fisiche non ha nulla da invidiare agli atleti più quotati. Dall’Argentina con furore c’è invece Diego Simon, il quale possiede la “garra” giusta per far bene, magari aiutato anche da qualche compagno di squadra. Attenzione anche allo statunitense Andy Wacker e al ceco Robert Krupicka, pronto a spingere la propria nazione verso una medaglia a squadre mondiale, assieme alle altre candidate Italia, USA, Repubblica Ceca e Gran Bretagna. Non solo il bresciano Rambaldini nel team azzurro, ci si aspettano grandi cose anche dalla stellina della nazionale, Francesco Puppi, terzo ai recenti Campionati Europei, uno che la pressione non sa cosa sia e ad ogni sfida che conta si fa sempre trovare pronto. Da “Puppinho”, nickname che ci ricorda i dribblatori e fuoriclasse brasiliani d’un tempo, ai due bellunesi Luca Cagnati e Nicola Spada, outsider di rilievo così come Gil Pintarelli, secondo lo scorso anno al Giir di Mont. Brescia è presente fra i corridori non solo al maschile, ma anche al femminile con la leggiadra Barbara Bani, la più giovane della truppa azzurra assieme a Lisa Buzzoni. La bresciana vanta un’energia alla “duracell”, il che le potrebbe permettere l’exploit in occasione dei Campionati del Mondo, dato che la contesa in terra lecchese si presenta come una vera e propria sfida ad eliminazione.

Fra le donne la campionessa in carica è invece la britannica Annie Conway, non “sola contro il mondo” come nel caso di Petro Mamu ma aiutata da un team di tutto rispetto. Se la Conway è la prima, la trentina Antonella Confortola è la vicecampionessa in carica, segnalata in formissima ed in netto recupero da un infortunio avuto lo scorso inverno. A completare il team azzurro ci sarà anche Silvia Rampazzo e chi per ben due volte vinse il Giir di Mont amatori, anche se quasi dieci anni fa, Stephanie Jimenez. Riserva ma non riserva è Ivana Iozzia, chiamata in campo anche lo scorso mondiale in sostituzione di Valentina Belotti e dimostratasi pronta e preparatissima. Le argentine si presentano con un bel dispiegamento di forze, così come il team Romania guidato da una delle favorite d’obbligo, Denisa Ionela Dragomir, vincitrice del Giir di Mont nel 2015. Altra che certamente potrà puntare al podio è la primatista del Giir di Mont Kasie Enman, ma occhio alle americane. Fra le squadre l’Italia non si può nascondere, ma con USA, Gran Bretagna e Romania non ci sarà da scherzare, con la Repubblica Ceca a fare come al solito da outsider.

Chi non potrà essere presente al Campionato Mondiale long distance organizzato dall’AS Premana potrà gustarsi le immagini di campioni ed amatori su Rai Sport domenica sera dalle ore 18.15 alle 19.30.

Fonte Newpower

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti