PizTri Vertical: Francesco Puppi da record, Antonella Confortola prima donna

Di GIANCARLO COSTA ,

Francesco Puppi vincitore PizTri Vertikal (foto Courthoud)
Francesco Puppi vincitore PizTri Vertikal (foto Courthoud)

PizTriVERTIKAL 2017: Nel “day one” del mountainrunning week end di Malonno è di nuovo spettacolo. Francesco Puppi riscrive il record del percorso e dopo due secondi posti incide finalmente il proprio nome nella gara che gli ha regalato nel 2015 il primo tricolore in carriera. Antonella Confortola sbaraglia la concorrenza nella prova femminile, che regala grandissime sorprese nella top five.

Petro e Francesco, ormai un mantra, una sfida senza confini tanto da tenere con il fiato sospeso tifosi ed addetti ai lavori anche quando i due contendenti sono distanti centinaia di Km.
Non c’era Petro Mamu, che sarà al via della Sierre Zinal, questa mattina a Malonno, non si sono incontrati i due grandi protagonisti della sfida mondiale di una settimana a Premana e duellanti negli ultimi due PizTriVERTIKAL, ma per Francesco Puppi tutto ciò non ha fatto differenza.
Voleva vincere il Km Verticale che due anni or sono lo aveva laureato per la prima volta Campione d’Italia e fatto conoscere davvero al grande pubblico italiano del mountain running, voleva vincere e lo ha fatto oggi, da vicecampione del mondo in carica.
E’ arrivata la vittoria perfetta, e quasi a voler sgomberare qualsiasi dubbio o possibile commento postumo è arrivato il nuovo record. Oggi Petro Mamu si accomoda virtualmente dietro al talentino di Guenzate: 34’09”, 12 secondi meno del crono siglato da “bum-bum” lo scorso anno, il PizTri da oggi ha un nuovo Re !

La gara maschile presentava una start-line di grandissimo livello con i Gemelli Dematteis, Hannes Perkmann, Davide Magnini, Emanuele Manzi, Henry Hofer, Marco Moletto oltre ad una schiera agguerrita di Master ed Amatori. In palio punti per la Vertical Cup dell’Eolo Mountain & Trail Running Grand Prix dove Perkmann era al comando proprio su Puppi e Toninelli, assente all’ultimo oggi a Malonno per una forma influenzale.
Puppi ha fatto la gara che ci si attendeva, senza troppi calcoli ma correndo in maniera chirurgica fin dai primi metri, come già nelle due precedenti edizioni che lo avevano visto come unico capace di stare con Mamu.
Una gara perfetta, attuando senza pensieri il proprio ritmo accompagnato da una corsa leggera, quasi sussurrata ma tremendamente efficace. Per stare con lui gli avversari hanno dovuto giocoforza adattarsi, fallito prima il forcing di Perkmann, poi l’estremo tentativo di Magnini, tutti episodi che non lo hanno distolto dall’obiettivo con il finale ha regalato emozioni a grappoli al pubblico come sempre spettacolare assiepato sul dosso ai 1820 metri di Malga Campèl.
E’ trionfo dunque per Francesco Puppi (Atl. Alta Valle Brembana) che mette in fila Bernard Dematteis (Corrintime), autore sul muro finale di un numero dei suoi, un numero che gli ha permesso di staccare Perkmann (Sportler Team) e, facendo leva sulla propria proverbiale potenza, andare a prendersi un grande secondo posto.
Per il capitano azzurro è arrivata la miglior prestazione personale in questa gara che lo ha sempre salutato sul podio, un 34’32” che certifica il ritorno di “Binno” ai livelli che gli competono. Hannes Perkmann 3°, anche lui sotto i 35 minuti (34’47”) cosi come un convincente Davide Magnini 4° in 34’58”, per il giovanissimo recordman del vertical trentapassi la conferma di essere vicino al livello dei top assoluti. Apoteosi US Malonno con il 5° posto scintillante di Emanuele Manzi (US Malonno), primo si può dire degli “umani”, per lui 36’47” ed a 40 anni l’ennesima conferma di una classe sconfinata, 6° Marco Moletto (Applerun), 7° Martin Dematteis (Corrintime), 8° il malonnese Luca Malgarida (US Malonno) ed a chiudere la top ten un giovanissimo ed un veterano: Pietro Lenzi (La Recastello) e Giovanni Paini (New Athletics Sulzano).

Al femminile è grande firma, quella di Antonella Confortola (Marathon Imperia), che sbaraglia avversarie e previsioni della vigilia. L’eterna atleta della Valle di Fiemme che solo una settimana prima ha salutato l’azzurro a Premana, mette in riga un manipolo di avversarie giovani e di belle speranze. Camilla Magliano (Pod. Torino) è 2^ dopo un avvio a tutto gas che però non ha sorpreso l’esperta Confortola. Sul podio sale anche una raggiante Arianna Oregioni (Gp Santi Nuova Olonio – La Sportiva) brava e tenace a resistere inizialmente alle sfuriate delle avversarie e poi punirle nella seconda parte. Livello altissimo anche qui, una top five che accoglie nell’ordine la sorpresa di giornata Elisa Compagnoni (Atl. Valtellina) e l’azzurra Alice Gaggi (La Recastello) mentre la top ten è completata da Liza Buzzoni (Altitude) 6^, Samantha Galassi (La Recastello) 7^, Sara Bottarelli (Freezone) 8^, la malonnese Corinna Ghirardi (US Malonno) 9^ e Angela Serena (Atl Lumezzane) 10^. Anche in questo caso la prova assegnava punti per la Eolo Vertical Cup.
Il week end prosegue, questa sera in Piazza Repubblica grande festa con la presentazione dei tantissimi Top Runners attesi domani sul FlettaTRAIL e l’inaugurazione ufficiale della Hall of Fame, la stele celebrativa che regalerà il ricordo perenne a chi nel Paese della Corsa in Montagna ha vinto e regalato pagine alla storia di questa disciplina.

Fonte press outdoor run

Download

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti