Non solo sci: a Prali, Pian Munè e Rucas di corsa sulla neve

Di GIANCARLO COSTA ,

FROZEN RUN PRALI
FROZEN RUN PRALI

Tanto per tenere i motori in caldo. Una volta erano fondisti e scialpinisti ad allenarsi “a secco” in estate sui sentieri di montagna, adesso tocca ai corridori mantenere la forma in inverno correndo sulla neve. Alternativa alle campestri, peraltro sempre più rare, e alle mai troppo amate corse con le ciaspole. E poi, volete mettere il fascino della corsa notturna con adeguati frontalini ad indicare la retta via illuminata solo dalla luna piena e dalle suggestive fiaccole antivento?

A completare il tutto l’atmosfera incantata della pista di fondo di Prali mercoledì 3 gennaio, la suggestione delle Meire di Croesio illuminate a Pian Munè sabato 3 febbraio e il panorama mozzafiato che sa offrire Rucas sabato 10 febbraio. Il tutto rigorosamente al primo calar delle tenebre alle ore 18. Sei km con scarpette dotate di ramponcini (facoltativi e non indispensabili) su facili percorsi da concludersi attorno a un tavolo per l’oramai liturgico dopo cena.

Di Carlo De Giovanni

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti