Lafuma Trail Monte Casto: Andorno Micca (BI) ha accolto 800 trailer e festeggiato i titoli italiani Ultra Trail di Fabio Bazzana e Federica Boifava

Di GIANCARLO COSTA ,

Un passaggio al Lafuma Trail Monte Casto (foto Francesco Berlucchi)
Un passaggio al Lafuma Trail Monte Casto (foto Francesco Berlucchi)

Una giornata dove il sole ha fatto fatica a fare capolino e una temperatura gradevole hanno accompagnato l’ottava edizione del Lafuma Trail Monte Casto che si è corso domenica scorsa ad Andorno Micca.

Un successo veramente notevole a livelli di numeri di partecipazione, quindici giorni prima della gara iscrizioni chiuse per avere raggiunto gli 800 iscritti, oltre 750 atleti partenti e 135 le persone che hanno partecipato alla non competitiva, Maurizio Scilla e il G.S.A. Pollone possono essere fieri del risultato ottenuto.

Il percorso di 46 km assegnava il titolo di Campione Italiano Ultra Trail IUTA, il meglio dei trailers a livello nazionale era al via di questo appuntamento.

Il percorso, attraversava alcuni gioielli del Biellese, come il Monte Casto, gli alpeggi di Monduro e Carcheggio, l'alpe Massaro, l'alpe Scheggiola e l'alpeggio dell'Artignaga.

Sui 46 km e 2200 metri di dislivello in campo maschile, assoluto protagonista della prova è stato il bergamasco Fabio Bazzana, che proprio al Casto nel 2011 aveva esordito nel trail. Sin dall’inizio ha menato le danze con Daniele Fornoni, al Rifugio Piana del Ponte (22 km) aveva un vantaggio di soli 10” sul piemontese, per poi man mano aumentare il vantaggio e chiudere nel favoloso tempo di 4h01’46”. Daniele Fornoni tagliava il traguardo dopo 4h05’26” e finiva ancora una volta sul podio di questa gara, da sottolineare che in otto edizioni solo due volte è sceso dai gradini del podio. Al terzo posto si piazzava un grande Stefano Butti, vincitore nell’edizione ridotta per neve a 30 km dell’anno scorso con Bazzana, il comasco con questa prestazione ha dimostrato di essere competitivo anche su distanze non sue. Appena fuori dal podio, Stefano Trisconi che conclude così una stagione favolosa, quinto il ventiduenne Fabio Toniolo autore di una grandissima rimonta, era solo dodicesimo a metà percorso; seguivano Moretton, Beria, Valsesia, Vuillermoz e Roux.

Per quanto riguarda le donne, lunga galoppata, sempre in testa per la vicentina Federica Boifava che concludeva la prova in 4h56’42”, al secondo posto la biellese Marcella Belletti che proprio negli ultimi km infilava prima Raffaella Miravalle e poi Cinzia Bertasa, che completerà il podio.

A seguire Miravalle, Glarey, Mora, Cravello, Tonetti, Arrigoni..

Sul tracciato di 21km, è stato Silvio Balzaretti, un atleta locale, ad imporsi in 1h40’31” davanti a Davide Ansaldo e Franco Collé.

In campo femminile dominio per Debora Cardone, undicesima assoluta in 1h52’22”, al secondo posto Virginia Oliveri e al terzo Gabriella Boi.

Da sottolineare che sono stati effettuati i controlli antidoping sui primi 4 uomini della 46 K.

Al momento delle premiazioni, sono stati premiati anche tutti i campioni italiani IUTA di categoria ed è stato dato spazio alla premiazione del Corto Circuito Solidale, una serie di gare che hanno come caratteristica, un forte spirito di solidarietà che le lega al progetto sportivo “I Run For Find The Cure”.

Il pasta party e la festa conseguente sono proseguiti fino alle 18, quindi una vera festa del trail!

Il commento dell'organizzatore Maurizio Scilla: " Il lavoro di un anno intero è stato ripagato dai sorrisi e i complimenti degli atleti al momento del loro arrivo, ma tutto ha funzionato al meglio grazie alla collaborazione del GSA Pollone e dei tanti volontari. Sono molto contento che sia stato effettuato il controllo antidoping! Questa manifestazione continua a crescere, quest’anno hanno partecipato atleti di tutta Italia, 3 atleti dagli Stati Uniti, 2 tedeschi, 2 danesi, 5 belgi e 12 francesi Questa gara è stata quindi un ottimo veicolo pubblicitario per il nostro territorio, spero in futuro che le istituzioni pubbliche diano più credito alla manifestazione".

Fonte organizzazione

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti