I convocati per i Campionati Mondiali di lunghe distanze di corsa di montagna di Karpacz in Polonia

Di GIANCARLO COSTA ,

Silvia Rampazzo Campionessa Mondiale corsa in montagna lunghe distanze a Premana (foto newspower)
Silvia Rampazzo Campionessa Mondiale corsa in montagna lunghe distanze a Premana (foto newspower)

La Direzione Tecnica Federale, su indicazione del Responsabile Tecnico di corsa in montagna, trail e ultradistanze Paolo Germanetto, ha ufficializzato l’elenco dei convocati per i Campionati Mondiali di lunghe distanze di corsa di montagna, in programma domenica 24 giugno a Karpacz in Polonia. Faranno parte della squadra italiana 8 atleti, 4 uomini e 4 donne. Tra i selezionati, spicca il nome della campionessa mondiale in carica Silvia Rampazzo che ha vinto il titolo iridato nella scorsa stagione a Premana, mentre è assente il campione in carica maschile Francesco Puppi.

Questi i corridori che vestiranno la maglia azzurra in questa rassegna iridata: Filippo Bianchi, Daniele De Colò, Emanuele Manzi, Alessandro Rambaldini, Barbara Bani, Cecilia Basso, Camilla Magliano, Silvia Rampazzo.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti