Henry Aymonod e Andrea Mayr trionfano nel PizTri Vertikal

Di GIANCARLO COSTA ,

Henry Aymonod vincitore del Piz Tri Vertikal (foto fidal)
Henry Aymonod vincitore del Piz Tri Vertikal (foto fidal)

Sabato 3 agosto, nella prima giornata dedicata alla Corsa in Montagna a Malonno, è andato in scena lo storico PizTri Vertikal, gara internazionale di kilometro verticale che, come ogni anno, anche in questo 2019 ha regalato bagarre e spettacolo.

VERTICAL DONNE - La competizione ha sin da subito una protagonista assoluta al femminile: manco a dirlo, Andrea Mayr regola con facilità le sue avversarie sin dalle prime rampe, dimostrando ancora una volta che quando la strada si fa ripida non c’è scampo per nessuna. La vittoria dell’austriaca in 37’20” vale addirittura un impressionante settimo posto assoluto. Nulla può una grande Valentina Bellotti (Atl. Alta Valtellina), argento di giornata in 39’55” e ben 40 secondi sotto il suo miglior crono di sempre a Malonno. Terza è la gallese Hedi Davies che regola la lotta a tre con delle tenaci avversarie come Primitive Niyirora (quarta) e Alessia Scaini (Atl. Saluzzo), quinta donna e seconda azzurra sul traguardo. Si colloca in una top ten di assoluto livello anche la padrona di casa Corinna Ghirardi (U.S. Malonno), ottava classificata.

VERTICAL UOMINI - Molto più tattica e nervosa la gara maschile; anche qui il livello è altissimo ed è selezione fin dai primi metri. Il duello finale, quello che ha lasciato senza fiato la folla accorsa in gran numero all’arrivo, è quello tra il veterano eritreo Filimon Abrham e il giovane azzurro Henry Aymonod (Corrinitime); l’atleta africano prova l’allungo, ma è il Valdostano a prendere in contropiede il tentativo di Abrham, a sopravanzarlo nei metri finali e a tagliare il traguardo per primo in 34’50”. Dietro alla coppia di testa si piazza il britannico Jacob Adkin, fresco campione europeo, ad una manciata di secondi; più staccato Patrick Facchini (SA Valchiese), campione italiano della specialità nel 2018, che coglie il quarto posto (ed il secondo tra gli azzurri). Quinto è il keniano Timothy Kirui, che regola il terzo italiano classificato, Luca Cagnati (Atl. Valli Bergamasche Leffe), che si prende l’ennesimo piazzamento in una stagione di livello.

Fonte fidal lombardia

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti