Fossano-Rifugio Migliorero (CN) 21.9.2008

Di GIANCARLO COSTA ,

La squadra femminile del Dragonero
La squadra femminile del Dragonero

L'ATLETICA SALUZZO DOMINA LA 16ª FOSSANO-RIFUGIO MIGLIORERO

Di Monica Ghio

L'Atl. Fossano '75 ha riproposto domenica 21 settembre la staffetta con partenza da Fossano ed arrivo al Rifugio Migliorero, dopo aver percorso 78 km suddivisi in nove frazioni, la quale è giunta quest'anno alla 16ª edizione. Nonostante la concomitanza con gare importanti come l'Ivrea-Mombarone (classica del panorama podistico regionale, che tra l'altro era valida quale Campionato Regionale di corsa in montagna di gran fondo), grande successo ha ottenuto la manifestazione, con record di partecipanti: 36 staffette per il settore Fidal (di cui cinque femminili e dieci Master), tre per il settore amatoriale e 7 per il Fitwalking, con queste ultime che disputavano la gara su sole tre frazioni (6ª-7ª-8ª) per un totale di 16,9 km.

Tre erano le classifiche per le categorie Fidal (assoluti maschili, master, donne) ed in tutte era l'Atl. Saluzzo a dominare, conquistando tre splendide vittorie.

Tra gli agonisti ancora una volta la lotta per la vittoria è stata fin da subito tra l'Atl. Saluzzo e il G.S. Roata Chiusani, ed è stata la prima a prevalere con il tempo finale di 4h51'23", mentre i ruatesi hanno chiuso in 4h54'10". L'Atl. Saluzzo schierava Serem Philemon Kipketer, Maurizio Gemetto, Gabriele Ivaldi, Mauro Biglione, Valerio Brignone, Alessio Rossi, Enrico Aimar, Pietrino Demontis e Luca Molineri; per il Roata Chiusani erano in gara Massimo Galliano, Donato Campanini, Guido Castellino, Maurizio Morello, Luca Massimino, Fabrizio Cogno, Gualtiero Falco, Silvio Cuceli e Giovanni Gerbotto. Sul terzo gradino del podio saliva la Pod. Valle Varaita (4h59'24"), che, accanto al neo-campione del mondo a squadre di corsa in montagna, Bernard Dematteis, schierava il fratello Martin, Francesco Allemano, Raul Galvagno, Simone Peyracchia, Manuel Solavaggione, Andrea Roasio, Patrik Charbonnier e Silvio Barra.

Seguivano la Dragonero (Mattalia, Giordanengo, Tallone, Onofrio, Sartor, Menardi, Armando, Griseri, Barale) con il tempo di 5h05'51" e gli organizzatori dell'Atl. Fossano (Curetti, Toselli, Chiaramello, Aragno, Reynaudo, Rivoira, Marchisio, Borgogno, Giocosa) in 5h14'24", mentre al 6° posto s'inseriva la Boves Run, seguita dalla prima squadra Master, quella dell'Atl. Saluzzo (5h26'42"), formata da Penone, Arneodo, Chiarle, Bacconi, Castagno, Lombardo, Fusta, Dematteis, Lingua. Sugli altri due gradini del podio per la categoria Master salivano la Pod. 2000 Marene (5h29'57") e la Dragonero (5h45'42").

In campo femminile la vigilia faceva prevedere un avvincente confronto tra l'Atl. Saluzzo e la Dragonero, ed invece è stato netto il dominio delle saluzzesi, che hanno concluso la loro prova con un tempo totale di 6h06'04", staccando di quasi cinque minuti le droneresi, che hanno chiuso in 6h10'53", quindi terzo gradino del podio per l'Atl. Fossano (6h16'57"); più staccate le altre due squadre femminili, Pod. Caragliese e Pod. Buschese. L'Atl. Saluzzo schierava Stefania Agnese, Tiziana Semeraro, Mina El Kannoussi, Elena Spallina, Michela Beltrando, Martina Mercol, Simona Ciarlone, Noemi Mellano e Giorgia Morano, mentre per la Dragonero erano in gara Josephine Lopez, Monica Panuello, Monica Ghio, Paola Regis, Stefania Cherasco, Rossella Cravetto, Cristina Clerico, Maria Piera Viale e Anna Maria Garelli, e per l'Atl. Fossano Federica Scoffone, Nadia Bigotti, Lucia Rosso, Monica Lingua, Sandra Masinara, Nadia Conte, Monica Conterno, Chiara Dezanet, Nadia Masinara.

Ogni tappa si presentava come una gara a sé in cui gli atleti si davano battaglia in un avvincente testa a testa. L'Atl. Saluzzo era leader in molte frazioni: nella prima con Serem Kipketer, nella seconda con Gemetto, nella terza con Ivaldi, nella quarta con Biglione, nella settima con Aimar e nell'ottava con Demontis, mentre Bernard Dematteis dominava la terza e nella 4ª e nella 9ª i migliori erano Andrea Menardi (Dragonero) e Giovanni Gerbotto (R. Chiusani). In campo femminile era la Dragonero ad essere leader nel maggior numero di frazioni: in seconda con la Panuello, in quarta con la Regis, in sesta con la Cravetto, in settima con la Clerico e in ottava con la Viale, mentre in prima frazione si affermava la Scoffone (Fossano), in terza El Kannoussi (Saluzzo), in quinta la Beltrando (Saluzzo) e in nona la Morano (Saluzzo). Tra i Master erano leader: Penone (Saluzzo), Badellino G. (Pod. 2000), Appendino (Pod. 2000), Arnaudo (Dragonero), Castagno (Saluzzo), Serra (Pod. 2000), Charbonnier (Valvaraita), Dematteis (Saluzzo) e Lingua (Saluzzo).

Tra le tre squadre amatoriali in gara i primi a tagliare il traguardo erano i concorrenti del CAI di Fossano (6h09'28"), seguiti dalla Parrocchia Santo Spirito (6h29'55") e dall'AVIS Fossano (7h12'07").

In allegato le classifiche maschili, femminili, dettagliate.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti