Fabrizio Cheillon e Federica Barailler si aggiudicano il recupero della Poya di Contrebandjè a Doeus (AO)

Di GIANCARLO COSTA ,

La vincitrice Federica Barailler
La vincitrice Federica Barailler

E' andata in porto la quarta edizione per la bella gara di sola salita di Doues in Valpelline (Valle d'Aosta), 7,5 i chilometri da percorrere per un dislivello positivo di 1200 metri fino al rifugio Champillon – Adolfo Letey. Gara un po' sofferta, visto che dopo il rinvio del 1° agosto causa maltempo/problemi organizzativi, ecco che nell'estate più calda dal 1850, la mattinata odierna proponeva pioggia, nuvole basse e addirittura un po' di neve sulle punte delle montagne dai 2700 metri in su, e qui l'arrivo era a quota 2400 metri circa.

Ma questa volta gli organizzatori, la guida alpina Cristian Bredy e i volontari dell'associazione Contrebandjè non si sono persi d'animo e hanno fatto disputare la gara. Gara ruspante come quelle di una volta della corsa in montagna, salita tosta ma non estrema, ambiente incantevole (la Valpelline), accoglienza, pranzo e premiazione in rifugio. Insomma una bella giornata di sport in montagna.

Vince la gara maschile Fabrizio Cheillon, che a dispetto della casacca del Pont Saint Martin che indossa, giocava praticamente in casa. Soddisfazione doppia per lui, che al terzo successo stagionale sta attraversando un ottimo periodo di forma. La spunta sull'ultima rampa che porta al rifugio Champillon sul compagno di squadra Julien Baudin, dopo una gara condotta praticamente in coppia fin dalle battute iniziali. 1h01'17” il tempo finale di Cheillon, 1h01'25” quello di Baudin, con il terzo gradino del podio che va a Davide Sapinet in 1h02'56” che si esprime alla grande anche su queste salite dure ma corribili. Completano la top ten Marco Ronco 4° in 1h04'14”, Luca Casali 5° in 1h05'32”, Giancarlo Costa 6° in 1h06'29”, Diego Merivot 7° in 1h06'35”, Savino Quendoz 8° in 1h07'18”, Garino Remo 9° in 1h09'45” e Felice Vallainc 10° in 1h12'43”.

Gara combattuta fino alla rampa finale anche al femminile, con Federica Barailler dell'Atletica Zerbion che si aggiudica il rush finale in 1h10'43” su Chantal Vallet 2a in 1h10'52”, con Cristina Busa 3a in 1h20'34”, Claudia Titolo 4a in 1h23'53” e Adele Bethaz 5a in 1h28'47”.

Le dichiarazioni dei protagonisti:

Fabrizio Cheillon: “Sono contento per questa vittoria, per me questa praticamente è la gara di casa e ci tenevo a far bene. Ho fatto tutta la gara insieme a Julien Baudin, poi nel finale ho avuto uno spunto più veloce e ce l'ho fatta a vincere. I prossimi impegni saranno sempre quelli del campionato valdostano Martze a Pià, visto che quest'anno sto curando la classifica generale.”

Fedrica Barailler: “E' stata una gara impegnativa, siamo sempre state vicine io e Chantal Vallet, poi nel finale sono riuscita ad allungare e a vincere per pochi secondi. Sono contenta ed è stata una bella soddisfazione.”

In allegato la classifica completa e qualche foto della gara.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti