Campionati Mondiali corsa in montagna lunghe distanze: oro per Rambaldini, bronzo per la Rampazzo e l’Italia maschile

Di GIANCARLO COSTA ,

Alessandro Rambaldini Campione Mondiale a Karpacz (foto fidal gulberti)
Alessandro Rambaldini Campione Mondiale a Karpacz (foto fidal gulberti)

Se nel calcio i mondiali sono senza gli azzurri, nella corsa in montagna le maglie azzurre della Nazionale di corsa in montagna sono una garanzia. E così che è andata anche oggi in quel di Karpacz, in Polonia, dove si assegnavano i titoli iridati della corsa in montagna nella versione lunghe distanze (long distance la dizione internazionale).

E’ di Alessandro Rambaldini l’acuto vincente della spedizione azzurra del DT Paolo Germanetto. Per il portacolori dell’Atletica Valli Bergamasche Leffe, al traguardo in 2h39’18”, si tratta del secondo titolo iridato dopo quello del 2016, per l’Italia si tratta del quarto successo individuale consecutivo, visto le vittorie di Tommaso Vaccina del 2015 e di Francesco Puppi del 2017. Mancavano gli africani, vero, ma si sa che gli assenti hanno sempre torto e la concorrenza battuta da Rambaldini è comunque di alto livello, con Robert Krupicka (CZE) 2°, Joe Gray (USA) 3°, Cipa (CZE) 4° e Andy Wacker (USA) 5°. L’Italia di aggiudica anche la medaglia di bronzo a squadre dietro Repubblica Ceca e USA, grazie ai piazzamenti di Daniele De Colò 13°, Emanuele Manzi 26° e Filippo Bianchi 34°.

A medaglia anche la parte femminile della Nazionale Italiana, con la campionessa uscente Silvia Rampazzo che si aggiudica un ottimo bronzo mondiale, nella gara vinta dall’inglese Charlotte Morgan, con l’argento per la polacca Dominika Stelmach, quindi 4a la rumena Denisa Dragomir, 5a l’inglese Wilkinson, 6a l’Austriaca Koblmuller, 7a l’america Bracey e 8a la connazionale Brasovan. Per le altre azzurre posizioni di rincalzo, anche se Barbara Bani, 17a al traguardo, era in zona podio prima di un errore di percorso che ha tolto a lei e all’Italia una possibile medaglia. Per la matricola Cecilia Basso un 22° posto, mentre l’altra esordiente Camilla Magliano si è ritirata per il riacutizzarsi dell’infortunio che la sta tormentando dall’inizio di stagione.
Le altre azzurre sono allora Bani 17^ e Basso 22^ mentre Camilla Magliano si è ritirata intorno sulla prima discesa per un problema fisico. Nella gara a squadre oro per l’Austria, argento Romania e bronzo Gran Bretagna.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti