Bisogna impegnarsi e faticare per ottenere qualcosa

Di GIANCARLO COSTA ,

Matteo Simone psicologo psicoterapeuta (foto fb Simone)
Matteo Simone psicologo psicoterapeuta (foto fb Simone)

Faccio parte da un anno della grande e sensibile squadra Podistica Solidarietà Cycling Team grazie all'amico triatleta Massimo Castellano che mi ha coinvolto con entusiasmo e con il quale condividiamo uscite, allenamenti, gare, esperienze che ci permettono di riconoscere e apprezzare il valore dell'amicizia, delle salite, del sudore, delle avversità atmosferiche, della fatica che diventa nostra compagna e maestra per insegnarci che non tutto avviene per caso ma bisogna impegnarsi e faticare per ottenere qualcosa.
Un grazie a tutti i componenti della squadra dal presidente all'ultimo arrivato per il contributo di ognuno nella riuscita della squadra sia in campo sportivo che sociale. Un grazie anche a tutti i simpatizzanti che donano tempo e presenza per fare parte del gruppo anche occasionalmente.

Cosa c'è dietro lo sport? Tanta passione, allenamenti, incontri, fatica, aggregazione, tante decisioni, presenza, attenzione, focalizzazione. Dietro lo sport c’è tanta fatica e impegno con passione e determinazione, tanti pensieri e dubbi, tante sfide e sogni da realizzare, tante prove in allenamento e gara, tante gioie e soddisfazione, tanti insegnamenti, esperienze che fanno crescere e maturare.
Per ottenere qualcosa bisogna faticare, impegnarsi un po’ soffrire, incontrare discese e salite e arrivare a conclusione sperimentando soddisfazione e gioia. Lo sport permette di mettersi in gioco per apprendere sempre dall’esperienza, per conoscersi meglio, per ascoltare se stessi durante la fatica attraverso il respiro e le sensazioni corporee.
La fatica diventa amica, più è grande la fatica e più ne sarai riconoscente quando è finita. Se vuoi, se ci credi, tutto passa, tutto cambia, passa la fatica, passa la salita, quello che rimane è la consapevolezza della forza interiore acquisita che aiuterà non solo nello sport ma anche nella vita quotidiana, lavorativa, familiare, relazionale, individuale.

Attraverso lo sport avvengono incontri e confronti, si conoscono nuove persone e insieme si possono fare grandi cose, si può arrivare ovunque. Lo sport abbatte muri e barriere generazionali, rimette al mondo facendo faticare con i più giovani. Nello sport si può notare e apprezzare la ciclicità della vita fatta di partenze e arrivi, fatica e riposo, tensione e rilassamento.
Lo sport rende felici nonostante la fatica, nonostante le salite, nonostante le avverse condizioni climatiche. Per ottenere qualcosa bisogna crederci; fidarsi e affidarsi; essere consapevoli delle proprie capacità e limiti; impegnarsi duramente; essere determinati; mettere in conto infortuni, avversari più forti, sconfitte e momenti bui; rialzarsi sempre e ripartire con pazienza, senza fretta, con modestia e umiltà rispettando gli altri e apprezzando sempre l'esperienza.
La fatica esiste ma si riesce ad addomesticarla, ci si prepara ad andare oltre, a fare allenamenti sempre più sostenuti nelle diverse condizioni estreme; il fisico e la mente si adattano un po’ per volta e tutto diventa gestibile e fattibile.
Lo sport fa prendere direzioni per raggiungere traguardi, mete e obiettivi difficili, sfidanti ma non impossibili superando eventuali imprevisti lungo il percorso con fiducia in se, con impegno, motivazione, passione e determinazione.

Lo sport permette di far parte di una squadra che segue obiettivi condivisi, fa condividere allenamenti e gare, trasferte e viaggi. Non c’è un’età per iniziare uno sport, importante è quello che si sperimenta. Lo sport è una palestra di vita, una modalità per sperimentarsi e mettersi alla prova, un’opportunità per apprendere dall’esperienza.
Insieme è molto meglio nella condivisione dell'esperienza di fatica e poi anche di gioia, entusiasmo, soddisfazione. Lo sport davvero avvicina persone, culture, mondi e rende felici e resilienti sintonizzandosi sull'obiettivo da portare avanti seguendo mete e direzioni ed essendo sempre pronti a rimodulare tutto cavalcando l'onda del cambiamento e utilizzando risorse residue, che diventano a volte sorprendenti e rinnovabili. Questo è il vantaggio dello sport.

Di Matteo Simone - Psicologo, Psicoterapeuta

http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti