Marco Chinazzo: il Giro d'Italia sulle strade della Calabria

Di MARCO CESTE ,

Marco Chinazzo in Calabria
Marco Chinazzo in Calabria

Marco Chinazzo è arrivato ieri a un quarto esatto del suo Giro d’Italia. L’atleta piemontese è in giro per la penisola dal 21 gennaio scorso e dopo aver attraversato la Liguria, essersi imbarcato per la Sardegna e averla attraversata di corsa, essersi nuovamente imbarcato per la Sicilia e averla anch’essa passata correndo, è entrato da qualche giorno in Calabria, regione nella quale resterà fino a Sabato.

Ha raggiunto un quarto del suo viaggio in quanto il suo giro per la nazione prevede 3600 chilometri, che saranno completati nell’arco di tre mesi. Ieri Marco ha toccato i 900 chilometri.

Ieri mattina è partito dalla piana di Lamezia ed è arrivato fino ad Amantea, da dove è ripartito puntuale questa mattina.

In questi ultimi giorni il runner di Gorzegno ha dovuto affrontare un po’ di mal tempo, freddo e pioggia, che comunque non hanno intaccato la sua voglia di proseguire e portare a termine la grande impresa. Sta attraversando delle zone della Calabria decisamente speciali, paesini quasi disabitati ma che offrono degli spettacoli naturali mozzafiato. Marco ancora una volta ha notato, divertito, gli sguardi per lo più incuriosirti della gente che incontra, che difficilmente può immaginare qual tipo di prestazione sportiva stia portando avanti quell’uomo con la barba lunga e a fianco il suo cane, che corre lungo le strade italiane. Negli ultimissimi giorni ha dovuto anche affrontare il doloro al ginocchio che si è fatto ancora sentire e un traffico automobilistico piuttosto intenso in alcuni tratti di strada, a causa della chiusura dell’autostrada per lavori.

Per il resto però, tutto procede al meglio. La tabella di marcia è rispettata, le sensazioni sono buone e ci si sta anche, pian piano, abituando alla lontananza da casa. Il cibo non manca, Marco si alimenta ogni mezz’ora, cosa normale se si pensa che percorre 50 chilometri ogni giorno. Infatti, per ora il podista della Val Bormida sta mantenendo il suo peso e anzi, dice scherzando: “Se non corressi, in queste settimane avrei già messo su qualche chilo. In questo viaggio stiamo conoscendo gusti, sapori e odori sempre nuovi e fantastici”.

Un paio di giorni fa, a Maida, Marco ha avuto anche la possibilità di riabbracciare Giovanni, un vecchio amico di Cortemilia che da anni vive in Calabria.

Ancora quattro giorni di terra calabrese e poi per Marco, Ezio e Matteo, fotografo e fisioterapista e il fedele amico a quattro zampe, sarà ora di cambiare regione e vedere nuove terre.

L’avventura continua.