Corsa al Monte Faudo

Corsa al monte Faudo: vittorie di John Hakizimana ed Elisa Almondo

Di Giancarlo Costa

John Hakizimana vincitore della corsa al monte Faudo (foto organizzazione)

Dal mare alla montagna, a Imperia si ricorderà la prima domenica di maggio 2019 come un giorno invernale con pioggia, vento e neve a fare da guastafeste podistiche e su tutto il territorio italiano. Anche in Liguria il meteo ha manipolato la riedizione della Corsa al monte Faudo, quindi gli organizzatori liguri per garantire la sicurezza degli atleti hanno dovuto ridurre il tracciato originale previsto sui 24,9 km per un dislivello positivo di 1146 metri, dei 5 chilometri finali ...

Continua a leggere

Nella Corsa al Monte Faudo di Imperia vittorie di Abdelhadi Tyar e Ornella Ferrara

Di Giancarlo Costa

Il vincitore Tyar della Corsa al Monte Faudo (foto imperiapost.it)

E' cambiato il percorso per la Corsa al Monte Faudo, ma è rimasto invariato il fascino per questa gara che dal mare porta alla vetta degli imperiesi, il monte Faudo a circa 1200 metri di quota.

Giunta alla 47a edizione cambia percorso, non più 25 km con partenza dal lungomare di fronte al municipio, ma 17 km, con partenza dal Ponte di Garbella, seguendo il sentiero in salita e non più la strada, come nelle prime edizioni storiche. Un po ...

Continua a leggere

A Imperia nella corsa al Monte Faudo vittorie del tunisino Mehdi Khelefi e di Ornella Ferrara

Di Giancarlo Costa

Ornella Ferrara la vincitrice del Monte Faudo

Sono 46 le edizioni della Corsa al Monte Faudo, che con i suoi 1149 metri è la montagna simbolo degli imperiesi, celebrata una volta all’anno con questa corsa, che porta gli atleti dal lungomare d’Imperia, ai paesini dell’entroterra come Dolcedo, alla frazione Santa Brigida (quota 547 metri), dove terminano i 16 km di asfalto per continuare su una strada sterrata fino al 24° km, punto in cui la strada s’impenna per arrivare al traguardo posto in ...

Continua a leggere

La Corsa al Monte Faudo a Tommaso Vaccina e Emma Quaglia – Imperia

Di Giancarlo Costa

Partenza_Faudo_2012.JPG (foto Maurina)

Sono 44 le edizioni della Corsa al Monte Faudo, che con i suoi 1149 metri è la montagna simbolo degli imperiesi, celebrata una volta all’anno con questa corsa, che porta gli atleti dal lungomare d’Imperia, ai paesini dell’entroterra come Dolcedo, alla frazione Santa Brigida (quota 547 metri), dove terminano i 16 km di asfalto per continuare su una strada sterrata fino al 24° km, punto in cui la strada s’impenna per arrivare al traguardo posto in ...

Continua a leggere

La leggenda del Faudo continua...

Di Giancarlo Costa

Di Camillo Campitelli

Innanzitutto un ricordo, perché per la prima volta il Faudo s'è corso senza l'amico e speaker dalla mitica voce SERGIO CASTELLI, purtroppo scomparso recentemente, con grande dispiacere di tutti. La corsa di 25 km che a giusto titolo era stata definita "Maratona del Monte Faudo" (anche se non raggiunge i 42 km) anche quest'anno ha messo insieme tutte le sue difficoltà , quasi a ricordare che questa non è una gara per tutti e solo ...

Continua a leggere

La corsa al Monte Faudo a Jonathan Wyatt ed Antonella Confortola

Di Giancarlo Costa

Jonathan Wyatt impegnata nel vittorioso Stellina 2008

Con un ultimo chilometro degno della sua classe di scalatore 6 volte campione mondiale di corsa in montagna, il neozelandese Jonathan Wyatt si aggiudica una classica della corsa in salita ligure e nazionale, la corsa al Monte Faudo giunta alla 41° edizione. Partenza dal municipio sul lungomare d'Imperia, passaggio per Dolcedo, Santa Brigida ed arrivo in vetta al Monte Faudo, 1200 metri di dislivello di sola salita e 22,4 km di sviluppo, per una corsa che fu epicamente ...

Continua a leggere

Corsa al Monte Faudo - Imperia 15.6.2008

Di Giancarlo Costa

Roberto Barbi arrivo 2007 Foto Maurina Olio Carli

La corsa al monte Faudo è una classica tra le gare di salita nazionali. Il Faudo è la montagna simbolo degli imperiesi, quella che si vede dal lungomare, perché le antenne che vi sono installate sono visibili da chilometri di distanza. Dalla cima, nelle giornate limpide, la vista spazia sulle coste, sul mare, fino alla lontana Corsica, anche se il maltempo non ha concesso simili panorami.

Il fascino delle corse che dal mare salgono su per i monti, è antico ...

Continua a leggere