Yeman Crippa 2° e Pietro Riva 7° al Giro Podistico Internazionale di Castelbuono

Di GIANCARLO COSTA ,

Giro podistico di Castelbuono, il vincitore ruandese Felicien Muhitira (foto organizzazione)
Giro podistico di Castelbuono, il vincitore ruandese Felicien Muhitira (foto organizzazione)

Una gara da protagonista, con il secondo posto finale, per l’azzurro Yeman Crippa delle Fiamme Oro nel 91° Giro Podistico Internazionale di Castelbuono. La tradizionale corsa su strada di 10 chilometri nella cittadina palermitana vede il successo quest’anno del ruandese Felicien Muhitira in 31:01, ma alle sue spalle si comporta bene il giovane mezzofondista delle Fiamme Oro che chiude in 31:19 e batte avversari titolati come il keniano Thomas Lokomwa, vincitore di due edizioni della Stramilano e oggi terzo con 31:31, ma anche l’etiope Imane Merga, iridato di cross nel 2011, quarto in 31:53. Il non ancora ventenne trentino, bicampione europeo juniores di corsa campestre, rimane a lungo con il gruppo di testa e quando mancano tre giri alla fine si porta anche al comando, per guadagnarsi l’applauso del folto pubblico siciliano. Poi nel terzultimo chilometro va in fuga il 21enne Muhitira, che al traguardo si ferma per baciare il nastro d’arrivo, ma sull’impegnativo percorso Crippa difende la seconda posizione dall’assalto degli avversari. “Non sono riuscito a restare fermo - dichiara l’azzurro, ottavo sui 5000 ai recenti Europei di Amsterdam - quando ho visto lo scatto di Muhitira. Ci ho provato a stargli dietro e forse ho osato, ma qui c’era un grande tifo e lo sentivo tantissimo. Si conclude così la mia stagione estiva, in attesa di riprendere la preparazione per gli Europei di cross che saranno a Chia, in Sardegna, nel mese di dicembre”. Era dal 1996, con Francesco Panetta secondo, che un italiano non si piazzava così in alto a Castelbuono e per la prima volta un atleta del Ruanda iscrive il proprio nome nell’albo d’oro della “cursa i sant’Anna”, che vanta 104 anni di storia e si celebra nel giorno della festa patronale. Quinto il marocchino Jaouad Chemlal (32:02) seguito dal keniano Ezekiel Kiprotich Meli (32:10).

Al settimo posto con 32:22 e secondo degli italiani il 19enne piemontese Pietro Riva (Fiamme Oro), campione continentale juniores dei 10.000 metri, appena rientrato dai Mondiali under 20 dove è stato decimo (migliore europeo): “Questa è una gara molto dura e alla fine la salita ha lasciato il segno, ma sono contento della mia prestazione”. Appena un secondo più dietro Simone Gariboldi (Fiamme Oro) e il ventenne Alessandro Giacobazzi (La Fratellanza 1874 Modena), rispettivamente ottavo e nono, entrambi con 32:23.

Fonte fidal.it

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti