Xavier Chevrier e Lisa Borzani le stelle de La Martze di Mineur di Saint Marcel

Di GIANCARLO COSTA ,

Xavier Chevrier vincitore Martze di Mineur (foto Francesco Fognier)
Xavier Chevrier vincitore Martze di Mineur (foto Francesco Fognier)

Settima edizione de “La Martze di Mineur” corsa a Saint Marcel in Valle d’Aosta, gara di corsa in montagna specialità Marcia Alpina, valida per il campionato valdostano Martze a Pià. Partenza dal Santuario di Plout, 10 km con un dislivello in salita di 800 metri, culminante nel passaggio al sito minerario Servette, ai quali vanno aggiunti 200 metri di dislivello in discesa. Una gara che a dispetto della classificazione, marcia alpina, e del nome, Martze di Mineur, è una gara molto “corribile”, con una pendenza che aumenta gradatamente con solo gli ultimi 200 metri di sviluppo che costringono a fare qualche passo in salita e una discesa tutta da spingere. Nel nome della gara c’è l’omaggio una parte importante dell'economia di queste zone della Valle d'Aosta nello scorso secolo. Il “sito minerario Servette”, in cui è stata completata la trasformazione da miniera a parco di questa zona, si estraeva il carbone che veniva trasportato a valle con un sistema di teleferiche e di mulattiere.

Due attesi protagonisti non hanno tradito le attese della vigilia: Xavier Chevrier e Lisa Borzani. Caratteristiche atletiche diverse, ma un obbiettivo comune a breve, cioè ben figurare e magari vincere una medaglia, a squadre o individuale, con la maglia della Nazionale. Per Lisa Borzani, vincitrice del Tor des Geants 2016, l’obbiettivo sono i Campionati Mondiali di Trailrunning di sabato prossimo a Badia Prataglia, Per Xavier Chevrier, che nel 2016 ha vinto oro, argento e bronzo con le nazionali di corsa in montagna e di maratonina su strada, e domenica scorsa ha vinto la prima prova di campionato italiano, gli Europei in Slovenia dell’8 luglio e probabilmente i Mondiali di Premana di fine luglio, entrambi di corsa in montagna.

“Sono contento di aver corso qui a Saint Marcel – dice Xavier Chevrier – una bella gara vicino a casa mia. L’infortunio dopo la maratonina di Praga (1h04’ il suo crono) mi ha costretto a un mese di stop e non pensavo di riuscire a vincere una gara come la Bolognano-Velo di domenica scorsa. Oggi è stato un buon test in salita, adesso mi concentro sugli Europei in Slovenia cercando anche di qualificarmi per i Mondiali di fine luglio.”

“Bella gara La Martze di Mineur – dice Lisa Borzani – Ormai mi sono affezionata alle corse in Valle d’Aosta (nel 2016 ha vinto il Tor des Geants). Sabato prossimo correrò il Mondiale di trailrunning di Badia Prataglia, una gara veloce per le mie caratteristiche, 49 km e 2900m D+, ma cercherò di ben figurare, non solo per me ma soprattutto per la squadra, un mondiale in casa va onorato al meglio”.

Xavier Chevrier, valdostano di Nus ma portacolori dell’Atletica Valli Bergamasche, ha vinto questa 7a edizione de La Martze di Mineur in 51’00”, lontano dal suo record di 47’ e spiccioli, ma la parte sommitale del percorso è leggermente diversa e più lunga forse di 3-4 minuti. Alle sue spalle salgono sul podio con un’ottima prestazione Matteo Savin 2° in 55’05” e Fabrizio Cheillon 3° in 55’40”. Completano la top ten Savino Quendoz in 55’45”, Davide Sapinet 5° in 56’53”, Diego Merivot 6° in 57’04”, Jerome Rey 7° in 57’30”, Remo Garino 8° in 58’05”, Mirko Imperial 9° in 59’50” e Davide Gerard 10° in 1h00’16”.

Vittoria femminile di Lisa Borzani del Bergamo Stars in 1h02’38”, 2a Chantal Vallet in 1h05’46” e 3a Sabrina Bidese in 1h11'45".

In allegato qualche foto e la classifica completa della gara.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti