WMRA Youth Cup 2014: ecco l’Italia che cercherà il quarto titolo iridato ad Arco (TN)

Di GIANCARLO COSTA ,

Davide Magnini, il campione italiano di corsa in montagna cadetti
Davide Magnini, il campione italiano di corsa in montagna cadetti

A pochi giorni dalla quarta edizione della Castle Mountain Running che ad Arco, domenica 29 giugno, ospiterà la WMRA Youth Cup, la Federazione Italiana di Atletica Leggera ha ufficializzato i nomi dei sei allievi convocati per difendere i colori azzurri e inseguire il titolo mondiale under 18.

Tre allieve e tre allievi, un gruppo guidato e trainato dai due campioni italiani di categoria, vale a dire Michela Gabrielli e Davide Magnini, entrambi trentini ed entrambi tesserati per l’Atletica Valli di Non e Sole. Lo stesso Magnini è l’ultimo azzurrino ad essere salito sul podio della Youth Cup, avendo chiuso l’edizione 2013 di Gap al terzo posto. Con loro, saranno in gara ad Arco il comasco vicecampione italiano Samuele Nava (Atletica Erba) e l’altro trentino Endale Masè (Gs Valsugana Trentino), rendenese di origine etiope. Al femminile invece la squadra azzurra sarà completata dalla torinese Eleonora Curtabbi (Atletica Giò 22 Rivera) e la vicentina Francesca Peron (Atletica Vicentina), rispettivamente argento e bronzo alle spalle della Gabrielli in occasione del campionato italiano di categoria disputato a Civezzano l’11 maggio scorso. Curioso il precedente di Beatrice Curtabbi, sorella maggiore di Eleonora ed unica italiana a vincere la Youth Cup, nel 2009.

Una formazione, quella azzurra, che si presenta particolarmente solida ed in grado di puntare ai vertici della classifica in entrambi i settori; i giovani scalatori saranno seguiti ad Arco dal referente tecnico federale di settore Paolo Germanetto coadiuvato da Sara Berti, allenatrice di Davide Magnini. Nella storia della Youth Cup, l’Italia ha saputo meritare per tre volte il gradino più alto del podio, nel 2007 a Susa grazie al valdostano Xavier Chevrier, nel 2009 nella tedesca Osthein-Hausen grazie proprio a Beatrice Curtabbi e nel 2012 nell’irlandese Glendalough per merito del trentino Yemaneberhan Crippa.

A contendere il successo alla squadra italiana ci saranno le altre 16 nazioni che hanno confermato la propria presenza alla Castle Mountain Running di Arco, numero record per quanto riguarda la storia della WMRA Youth Cup, primato tra l’altro impreziosito dalla prima, storica, presenza degli Stati Uniti.

Oltre alla prova iridata under 18, la Castle Mountain Running 2014 ospiterà anche il Trofeo delle Regioni, prova nazionale riservata alla categoria cadetti (under 16) che vedrà al via le Rappresentative dei Comitati Regionali italiani oltre a tutti gli altri cadetti e cadette interessati alla partecipazione individuale.

Le gare di domenica 29 giugno si preannunciano dunque di grande impatto, complice anche un tracciato altamente spettacolare e tecnico come quello di Arco, capace di riunire città e montagna, con il fascino della scalata al castello ed il passaggio all’interno della Torre Renghera, sulla sommità della Rocca che domina l’Alto Garda Trentino. Una location pressochè unica per una gara che in questi primi anni di vita si è proposta con l’intento di portare una ventata di novità nel panorama della corsa in montagna. Tradizione e tecnologia saranno unite anche nell’edizione 2014, dato che il comitato organizzatore ha predisposto grazie al supporto di Trentino Network la diretta streaming integrale della gara, visibile dunque da chiunque fosse interessato sul sito www.castlemountainrunning.com.

Fonte organizzazione

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti