Via Lattea Trail: nella fredda notte di Sestriere (TO) 539 all'arrivo con le vittorie internazionali di Michel Lanne (FRA) e Stevie Kremer (USA)

Di GIANCARLO COSTA ,

Il_vincitore_Michel_Lanne_(foto_Francesco_Belucchi)
Il_vincitore_Michel_Lanne_(foto_Francesco_Belucchi)

Un evento unico ha avuto luogo sabato 15 dicembre nella rinomata località sciistica di Sestriere, la terza edizione del Vialatteatrail. Una gara di trail running con percorso completamente sulla neve, di notte, con il solo uso della lampada frontale. Un successo per gli organizzatori dell’ASD Bikeadventures che hanno superato gli 800 iscritti per una gara così impegnativa.

I percorsi inizialmente dovevano essere due, un tracciato più breve di 17 km e un tracciato più lungo di 28 km, ma le condizioni meteo hanno obbligato gli organizzatori a cambiare il programma e optare per una sola gara di 20 km e 1300 m di dislivello positivo.

Dopo le nevicate degli ultimi giorni, nelle ore precedenti il via, sulle montagne della Vialattea il meteo ha portato prima la nebbia, poi forti raffiche di vento che hanno fatto accumulare in alcuni tratti notevoli quantità di neve, obbligando la macchina organizzatrice a ritardare la partenza di mezz’ora (ore 18.30) per far sì che tutto potesse essere svolto nella la massima sicurezza.

Il colorato gruppo di atleti abbandonava le vie di Sestriere per attaccare la salita al Col Basset, diventata molto più impegnativa a causa della neve fresca che faceva sprofondare i concorrenti. Dopo la discesa su Sestriere, gli atleti ripassavano poi nella centrale piazza Fraiteve dove ad attenderli c’era un pubblico numeroso. All’intermedio al comando in campo maschile transitava il fortissimo francese Michel Lanne e in campo femminile la formidabile americana Stevie Kremer.

Dopo la discesa su Borgata, il fiume di luci colorate attaccava le due ultime salite molto impegnative, prima quella che portava allo chalet Raggio di Sole e poi all’Alpette, per poi scendere a Sestriere. Spettacolare dal centro di Sestriere la vista delle luci delle frontali che scendevano velocissime verso il paese.

Dopo 2h10’14” il primo a transitare in piazza Fraiteve è stato il francese Michel Lanne, sul secondo gradino del podio si piazzava il campione italiano di Ultraskymarathon, il bergamasco Fabio Bazzana in 2h13’26”. Completava il podio il piemontese Filippo Barazzuol, forte mountain biker e scialpinista in 2h17’32”.

Seguivano Danilo Lantermino, Daniele Fornoni, Stefano Butti, Paolo Bert, Franco Aglì, Paolo Bruno Franco e Bruno Brunod, al ritorno alle gare dopo 7 anni di stop.

Protagonista assoluta in campo femminile Stevie Kremer (quest’anno vincitrice della Jungfrau Marathon); l’americana chiudeva la sua prova sesta assoluta con il favoloso tempo di 2h27’39”, mentre al secondo posto si piazzava la piemontese Debora Cardone in 2h54’18” e sul terzo gradino saliva Genny Garda in 3h12’43”. Seguivano Giuliana Arrigoni, Annalisa Diaferia, Marina Plavan, Giulia Amadori, Hana Smisovska, Anna Conti e Scilla Tonetti.

Il vincitore Michel Lanne, quest’anno vincitore all’Andorra Ultra Mitic, ha commentato: “Gara durissima, meno male che è stata presa la decisione di accorciarla, molto più dura della seconda edizione che ho vinto. La neve fresca e la pendenza dell’ultima salita hanno reso la prova veramente impegnativa. Sono felicissimo di questa vittoria, mi sono divertito veramente molto”.

Il Comune di Sestriere ha collaborato alla riuscita della manifestazione. In un week end in genere abbastanza tranquillo, Sestriere si è vista invadere da più di 1200 persone tra atleti e accompagnatori, che hanno animato la località sciistica e vivacizzato il sabato sera.

Fonte Maurizio Scilla – Organizzazione Via Lattea Trail

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Può interessarti