Vertical San Domenico: a Cantoira successi di Simone Olivetti e Roberta Gasparini

Di GIANCARLO COSTA ,

La partenza della prima edizione del Vertical San Domenico del 1978
La partenza della prima edizione del Vertical San Domenico del 1978

In Val Grande, la più settentrionale delle Valli di Lanzo in Piemonte, ci stanno prendendo gusto a far rinascere gare di corsa in montagna di cui si erano perse le tracce. Dopo il Ciavanis di Chialamberto rinato un paio di anni fa’, è toccato oggi al Vertical San Domenico, 1000 metri di dislivello in 4,3 km, con partenza dalla piazza della Chiesa di Cantoira, qualche chilometro prima di Chialamberto, e arrivo alla chiesetta di San Domenico a quota 1770 metri, per una festa che è tradizione farsi l’8 agosto, indipendentemente dal giorno, motivo per il quale la gara si è corsa di giovedì mattina, cosa assai strana pur essendo nel pieno delle classiche ferie di agosto.

Alla gara organizzata dall’Associazione Nazionale Alpini di Cantoira, dalla Pro Loco di Cantoira, con il supporto dell’Atletica Cafasse, il Patrocinio del Comune, il Soccorso Alpino e l’opera di Fabio Faraone che ha perso il sonno negli ultimi giorni per mettere insieme le varie fasi organizzative, hanno comunque partecipato una settantina di concorrenti, con un ottimo livello per le prime posizioni, al di la del fatto che era una “non competitiva”. A dare il via il vincitore della prima edizione del 1978, Giuseppe Genotti, gloria della corsa in montagna dell’epoca, capace di vincere anche le grandi classiche di salita come l’Ivrea-Mombarone e Tavagnasco, che avendo tenuto duro sono diventate tra le più longeve corse in montagna non solo d’Italia ma anche d’Europa.

Su di un sentiero ripulito per l’occasione (a proposito, ormai, per mettere a posto i sentieri bisogna organizzare delle gare di corsa in montagna!), si sono scatenati alcuni dei protagonisti di questa stagione estiva di gare. La spunta con l’ottimo tempo di 40’55” Simone Olivetti, seguito sul podio da Lorenzo Rostagno 2° in 42’47” e da Daniel Bogedias 3° in 43’10”. Completano la top ten Emanuele Falla 4° in 43’50”, Federico Airola 5° in 44’05”, Marco Testino 6° in 45’09”, Alex Romagnolo 7° in 45’22”, Giancarlo Parola 8° in 45’37”, Fabio Faraone 9° in 46’21” e Mattia Olivetti 10° in 47’18”.

Oggi il successo al Vertical San Domenico era un affare di famiglia, visto che la vincitrice della gara femminile, Roberta Gasparini, ex biker di livello nazionale, è la mamma di Simone Olivetti, e si aggiudica la gara in 52’04”, su Denise Gallan seconda in 52’54”, Elisabetta Piacenza terza in 54’36”, Enrica Fassone quarta in 57’20” e Mirella Cabodi quinta in 57’29”.

In allegato la classifica completa e qualche foto di questa prima edizione del Vertical San Domenico.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti