Vertical della Becca di Viou: Brunod e Borzani successi nel lungo, Luboz e Bonin nel corto

Di GIANCARLO COSTA ,

Podio Vertical Becca di Viou ( foto Bonel)
Podio Vertical Becca di Viou ( foto Bonel)

Il Vertical della Becca di Viou si è regalato una giornata di piena estate. Cielo terso, panorami mozzafiato in quota e temperature alte già di prima mattina per la terza prova del Défi Vertical che ha fatto tappa a Valpelline. Sono stati poco più di 170 i concorrenti che hanno scelto una delle due prove competitive di sola salita. Tanti altri hanno invece deciso di passeggiare e divertirsi nel mini trail senza classifica. Nei vertical, i successi di giornata portano la firma di Lisa Borzani e Dennis Brunod nel lungo e di Charlotte Bonin e Mattia Luboz nel corto.

Nella gara lunga, arrivata al Colle Foillou per evitare la troppa neve ancora presente in cima alla Becca di Viou, il grande favorito Dennis Brunod è andato di nuovo a segno. È stato il valdostano di Champdepraz dell'Atletica Monterosa a imporsi con il crono di 1h 03’42”, staccando tutti gli avversari. Lo svizzero Killian Granger, secondo, è arrivato in vetta con 2’30” di ritardo, mentre il terzo posto è stato conquistato da Alex Déjanaz, in 1h 08’04”.
Più serrata la classifica femminile, con le prime tre donne racchiuse in poco più di 1 minuto. A vincere è stata Lisa Borzani (1h 22’28”) che continua il recupero dopo l’infortunio e che oggi, a Valpelline, ha ritrovato sensazioni positive. Seconda, a 40”, Denise Alleyson, con terzo gradino del podio per Tatiana Locatelli, staccata di 1’06”.

Mattia Luboz è invece andato a segno nel K1000 di 5 chilometri. Il valdostano ha fatto il vuoto nella prova maschile, vincendo in 43’32” e precedendo Giovanni Marco Ucini, staccato di 3’58”, e Gabriele Gazzetto arrivato con 4’23” di ritardo.
Altra vittoria, la terza della settimana, per Charlotte Bonin che ha chiuso in 47’11” ed è andata a prendersi la seconda posizione assoluta. La triatleta ha preceduto Chiara Pino seconda e Gloriana Pellissier terza.
A seguire la grande festa, iniziata con il Triangolo Enogastronomico che ancora una volta ha riscontrato un grande successo. E poi ancora il concerto dei Carisma Band per brindare a una giornata che ha sconfinato oltre lo sport.

LE DICHIARAZIONI
Dennis Brunod: «Una gara molto dura, oggi non ero in grande condizione: ho fatto fatica. Una giornata bella, con tanti tratti da correre, proprio come piace a me. Il percorso alternativo? Ogni vetta della Valle d’Aosta è molto bella, prima di tutto viene la sicurezza».
Lisa Borzani: «Sono contenta, non me lo aspettavo. Una bella soddisfazione dopo i tanti problemi fisici. Oggi ho avuto buone sensazioni, faccio fatica a rientrare, ma in questo sport non ci si inventa nulla».
Charlotte Bonin: «Un buon allenamento, è stata la mia terza gara in una settimana. Mi è piaciuta, i primi mille metri sono stati piatti, dopo ho mantenuto il ritmo. Prova dura, ma concludo felice».
Mattia Luboz: «È stato il primo successo in questa disciplina. Sono passato dalla bici al trail ovviamente con qualche difficoltà tecnica. Bella gara e ottima organizzazione, il percorso mi è piaciuto».

Fonte acmediapress

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti