Varallo-Res: 200 partecipanti, pokerissimo di Enzo Mersi, a Barbara Cravello la gara femminile

Di GIANCARLO COSTA ,

Barbara Cravello vincitrice Varallo-Res e Marino Portigliotti Campione Mondiale Master60 (foto Attardi)
Barbara Cravello vincitrice Varallo-Res e Marino Portigliotti Campione Mondiale Master60 (foto Attardi)

Con quella odierna, sono 45 le edizioni della Varallo-Res, corsa in montagna di 7 chilometri con un percorso tutto in salita a parte il chilometro iniziale dal centro da Varallo in provincia di Vercelli, da quota 453 metri fino ai 1610 metri della Capanna Spalla Osella della Res, per un dislivello di 1157 metri. Record di partecipanti, 200 tra gli agonisti tesserati FIDAL ed i non competitivi, tali per motivi di non tesseramento o di non visita medica, ma che comunque hanno fatto tutto il percorso di gara pur non essendo in classifica, come spiegato dal giudice responsabile della corsa in montagna che si è trovato al mattino a gestire questa “patata bollente” al momento dell'iscrizione.

Dopo la partenza dalla piazza di Varallo e l'attraversamento del fiume Sesia sul ponte, si imbocca il sentiero, mai troppo ripido da impedire la corsa, che passando per la località Casavei, poi luogo del pranzo e delle premiazioni, dopo un breve tratto di strada sterrata, con continui tornanti, porta al traguardo della Capanna Res, pochi metri sotto la vera vetta, dalla quale si può ammirare il panorama sulle montagne della Valsesia.

Passando alla vicenda agonistica, la notizia è che con il successo odierno Enzo Mersi sale a quota 5 vittorie in questa gara, raggiungendo il record di vittorie che appartiene a Carlo Chiara, bandiera della corsa in montagna valsesiana, ancora impegnato sui sentieri e oggi anche in veste di organizzatore e speaker con il GSA Valsesia, ai quali bisogna fare i complimenti per l'organizzazione della gara e del dopo gara.

Vittoria per il portacolori dell'Atletica Monterosa Enzo Mersi dopo una gara condotta in testa fin dai primi passi sul sentiero con il tempo di 51'07”, seguito sul podio da Carlo Torello Viera 2° in 53'40” e da Davide Garlaschini 3° in 54'43”. Completano la top ten Fabrizio Attardi 4° in 55'11”, Silvio Balzaretti 5° in 55'44”, Fabio Falcioni 6° in 57'05”, Ivan Fantoli 7° in 57'52”, Marco Tiozzo 8° in 58'12”, Marco Ghezza 9° in 58'30” e Ivan Camurri 10° in 58'43”.

Nella gara femminile vittoria di Barbara Cravello del Pollone griffata Rewoolution, che in 1h01'30” fa gara a se, o meglio con i maschietti che la circondano, forte di un'ottima condizione in quest'inizio di stagione, seguita sul podio da Alice De Simone 2a in 1h09'30” e da Gisella Bendotti 3a in 1h10'03”, con Clara Defilippi 4a e Daniela Maestroni 5a a completare la top five.

Nella classifica a squadre vittoria della squadra valdostana dell'Atletica Monterosa sugli ossolani della Caddese.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti