Valmalenco Ultra Distance Trail 2020 annullata

Di GIANCARLO COSTA ,

Partenza VUT (foto Torri)
Partenza VUT (foto Torri)

Valmalenco Ultra Distance Trail, see you on 2021. La news era nell’aria, ma solo in settimana è arrivata la conferma ufficiale. Per quest’anno la mitica kermesse alpina da 90 km e 6000 D+ con ben quattro scollinamenti a oltre 2600 mt passando per i quindici rifugi disseminati sul percorso è stata ufficialmente annullata. In concomitanza con altri super eventi come Ultra Trail du Mont Blanc, Dolomyths Run e Sellaronda Ultra Trail, anche l’attesissimo happening disegnato all’ombra del Bernina ha dovuto alzare bandiera bianca.

«E’ stata una decisone sofferta, ma giusta – ha dichiarato Fabio Cometti del comitato organizzatore -. Sino all’ultimo abbiamo sperato che la situazione si potesse sbloccare. Abbiamo sognato di potere mandare in scena il nostro evento con tutte le precauzioni del caso, studiando opportune varianti. Il fatto è che allo stato attuale non sarebbe proprio possibile. Gli altri anni in partenza avevamo 1.500 spettatori, gestirli sarebbe stato impossibile, così come impossibile sarebbe stato garantire la sicurezza di atleti e volontari».

A spingere verso l’annullamento anche una questione di principio: «Abbiamo diversi partner privati e enti pubblici che sin dalla prima edizione hanno creduto in noi e lo avrebbero fatto anche in questo difficile momento – ha continuato Cometti -. Vista la crisi economica scaturita dall’emergenza sanitaria, ci è però parso quantomeno inopportuno bussare alla loro porta. C’è un tempo per tutto, questa sarà un’estate senza gare da vivere in montagna all’area aperta, seguendo le regole che ci sono state, augurandoci che questa pandemia si risolva il prima possibile. Nel frattempo noi stiamo pensando al futuro».

Già perché il vulcanico team della VUT ha già in serbo diversi progetti: «Chi ci conosce sa che non siamo capaci di restare con le mani in mano. La Valmalenco la portiamo nel cuore e per questo stiamo portando avanti delle iniziative per tenere viva l’Alta Via e i suoi rifugi. Iniziative dal forte impatto mediatico e a scopo sociale. A breve ve le sveleremo, quindi, stay tuned».

Fonte press office sportdimontagna

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti