Valeria Straneo: prosegue la preparazione verso la Maratona di New York

Di MARCO CESTE ,

Valeria Straneo
Valeria Straneo

Definisce il 2012 un anno praticamente perfetto e come darle torto: l’eccellente ottavo posto alla maratona olimpica di Londra, il primato italiano su maratona in 2h23’44” e sui 10 km su strada sono soltanto alcuni degli ultimi successi conquistati dall’alessandrina Valeria Straneo. Due gare su tutte le sono rimaste scolpite nel cuore: la 38ª Roma-Ostia con il record italiano su mezza maratona (1h07:46) “perché non mi aspettavo di vincere un campionato italiano né tantomeno di scendere sotto l’ora e 8’” e la maratona di Rotterdam “perché io e la mia allenatrice abbiamo creduto moltissimo nella possibilità di migliorare il crono fatto a Berlino (2h26’33”) per ambire così alla convocazione olimpica, a dispetto di chi diceva che le convocazioni erano ormai chiuse e che era il caso di metterci l’animo in pace. Il record italiano è stata poi la classica ciliegina sulla torta, una felicità per me incredibile”.

Il tempo delle critiche e delle insinuazioni sul suo improvviso exploit atletico sembra ormai  alle spalle e Valeria non sembra avere neanche molta intenzione di riposare sugli allori. Superato, grazie al suo staff medico, qualche rallentamento fisico dopo la maratona olimpica, Valeria è ormai pronta per lanciarsi nella imminente avventura della maratona di New York. Il 4 novembre è quasi alle porte e l’atleta del Runner Team 99 di Volpiano non vede l’ora di debuttare su un tracciato per lei del tutto nuovo: “So che New York ha un percorso impegnativo, soprattutto nella seconda parte, non è una gara in cui cercare il personal best, quindi poche occhiate all’orologio e antenne dritte per ascoltare le mie sensazioni”. I presupposti ci sono insomma tutti perché la Straneo ci regali un’altra bella prova del suo indiscusso valore in un appuntamento che potrebbe chiudere nel migliore dei modi un anno ricco di soddisfazioni. E poi? “Dopo New York staccherò la spina fino al 2013. Il prossimo anno ho intenzione di correre una sola maratona, quella dei Mondiali. Probabilmente farò più mezze maratone e 10.000 mt, anche all’Estero. Ho già in programma un viaggio in Sud Africa dove correrò la Two Oceans Marathon a Cape Town a fine marzo”. Un altro capitolo della sua vita è pronto ad aprirsi, ricco, ne siamo certi, di ancora molte sorprese.

Daniela Vassallo



Può interessarti