Valeria Straneo e Osama Zoghlami campioni italiani dei 10000 metri

Di GIANCARLO COSTA ,

Podio femminile Campionato Italiano 10000 metri (foto organizzazione)
Podio femminile Campionato Italiano 10000 metri (foto organizzazione)

Nei Campionati italiani dei 10.000 metri, a Vittorio Veneto (Treviso), conquistano il successo Valeria Straneo e Osama Zoghlami. Questo il verdetto della rassegna tricolore, inserita nel 29° Meeting Città di Conegliano, al termine di due sfide combattute. Tra le donne in 32’55” è il secondo titolo della stagione per l’alessandrina del Laguna Running, che aveva già vinto nella mezza maratona di Verona in febbraio, e anche il secondo della carriera sulla distanza, a 44 anni di età, dopo quello del 2013. Alle sue spalle la campionessa uscente Isabel Mattuzzi (Fiamme Gialle, 33’04”), in testa nella prima parte, e Giovanna Epis (Carabinieri, 33’16”). Sorpresa nella prova maschile con il palermitano dell’Aeronautica, più volte azzurro dei 3000 siepi, che al debutto nei 10.000 prevale in 29’07” con una volata in rimonta davanti al 22enne bergamasco Sebastiano Parolini (Ga Vertovese, 29’08”), campione under 23, e a Stefano La Rosa (Carabinieri, 29’08”69c) superando nel finale Pietro Riva (Fiamme Oro, 29’12”), che era nettamente al comando fino a circa duecento metri dall’arrivo. Titolo promesse femminile per Gaia Colli (Atl. Valle Brembana, 35’06”) che un mese fa’ aveva vinto il campionato Italiano di Corsa in montagna.

  • Snowboarder, corridore di montagna, autore per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it e bici.news. In passato collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999, collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000. Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD e MONTAGNARD FREE PRESS dal 2002 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT nel 2006. Collaboratore della rivista ALP dal 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti