In Val Bregaglia inizia il circuito Eolo Fidal Mountain and Trail Grand Prix 2017

Di GIANCARLO COSTA ,

Marco De Gasperi vincitore Val Bregaglia trail 2016 (foto Torri&Menino)
Marco De Gasperi vincitore Val Bregaglia trail 2016 (foto Torri&Menino)

Al via la Trail Cup dell’EOLO FIDAL Mountain and Trail Grand Prix 2017. Il trofeo di specialità parte domenica 23 aprile a Chiavenna (Sondrio) con la seconda edizione del Val Bregaglia Trail, valida come prova di selezione per i Mondiali di trail in programma il 10 giugno in Italia, a Badia Prataglia (Arezzo). Si corre sugli antichi sentieri di confine tra Italia e Svizzera, con 420 atleti iscritti. Confermata la triplice formula: trail, staffetta e half trail. La prima avrà uno sviluppo complessivo di 42,1 km con 2758 metri di dislivello positivo e la staffetta vedrà il primo frazionista percorrere 19,6 km prima di dare il cambio al proprio partner che lanciandosi sui successivi 22,5 km punterà dritto il traguardo di Chiavenna, mentre la formula half trail da 22,5 km in pratica ricalca la seconda frazione della staffetta. Molto spettacolare e impegnativa la salita iniziale, poi l’arrivo in territorio elvetico attraverso borghi particolarmente suggestivi come Soglio, eletto nel 2015 il più bel villaggio svizzero. Quindi il passaggio davanti alla cascata, tratti di discesa più tecnica e il ritorno nel centro storico di Chiavenna per una gara che tocca anche i comuni di Piuro, Villa e Bregaglia. Percorso modificato in alcuni punti, a causa dell’incendio che nei giorni scorsi ha devastato i boschi sopra l’abitato di Piuro. Il rogo si è sviluppato nelle prime ore di mercoledì, mandando in fumo oltre venti ettari e arrivando a lambire il piccolo borgo di Savogno. Per motivi di sicurezza il comitato organizzatore si è visto quindi obbligato a cambiare il tracciato, che nella seconda metà non porterà gli atleti in questo centro abitato.

Favorito il vincitore dell’anno scorso Marco De Gasperi (Atl. Alta Valtellina), sei volte iridato della corsa in montagna, ma sono attesi gli azzurri delle lunghe distanze Fabio Ruga (La Recastello Radici Group) e Massimo Mei (Atl. Castello), oltre a Christian Pizzatti (Gp Santi Nuova Olonio) e Stefano Fantuz (La Colfranculana), campione italiano di trail nel 2015. Nella gara femminile da seguire Gloria Giudici e Barbara Bani, entrambe della Freezone, che hanno indossato la maglia della Nazionale nelle lunghe distanze. Se la vedranno tra le altre con Silvia Serafini e Silvia Rampazzo, portacolori della Tornado. La manifestazione è organizzata dall’associazione Amici Madonna della Neve Lagünc, la stessa società che organizza il Kilometro verticale. Nell’EOLO FIDAL Mountain and Trail Grand Prix 2017 questa è la seconda prova complessiva, dopo l’apertura a Montagna in Valtellina (Sondrio) con la Valtellina Vertical Tube Race, valida per la Vertical Cup che proseguirà nel prossimo fine settimana a Casto (Brescia), dove si aprirà anche la Mountain Classic Cup.

Fonte fidal

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti