Ultra Trail Mont Blanc: vittorie per Xavier Thevenard (FRA) e Rory Bosio (USA)

Di GIANCARLO COSTA ,

Il vincitore UTMB 2013 Xavier Thevenard (foto corredordemontana.com)
Il vincitore UTMB 2013 Xavier Thevenard (foto corredordemontana.com)

Il bel tempo ha accompagnato la decima edizione dell'UTMB (Ultra Trail Mont Blanc) e dopo due edizioni tormentate, con l'edizione 2012 corsa nella vallata di Chamonix di notte tra pioggia e neve, finalmente s'è fatto il percorso integrale di 168 km e 9600 metri di dislivello positivi, con partenza alle 16,30 di venerdì e arrivo del primo all'una di oggi sabato 31 agosto, nella solita coreografia straboccante di gente che una Chamonix vestita a festa per l'occasione, sa regalare.

In questo clima di festa nazionale, anche se non si trattava del 14 luglio, non poteva mancare la ciliegina sulla torta di una vittoria transalpina, mai scontata in una corsa che spesso ha parlato straniero, con le vittorie del nepalese Dawa Sherpa, dell'Italiano Marco Olmo e dello spagnolo Kilian Jornet Burgada. Quindi fa sua l'edizione 2013 dell'UTMB il giovane francese 25enne Xavier Thevenard con il nuovo record della gara di 20h34'57” (il record sarebbe 20h05' di Dawa Sherpa, ma allora il percorso era più corto di qualche km e di qualche centinaio di metri di dislivello), 2° Miguel Angel Heras in 20h54'08” autore di una grande gara che purtroppo non gli ha fruttato la sperata, per lui, vittoria e 3° a completare il podio il basco Javier Dominguez Ledo in 21h17'38”. Alle loro spalle nomi eccellenti del trail running internazionale, come i due americani Timothy Olson 4° in 21'38'23” e Michael Foote 5° in 21h53'19”, 6° il francese Julien Chorier in 22h08'11”, 7° Bertrand Collomb-Patton (FRA) in 23h14'16”, 8° Arnaud Lejeune (FRA) in 23'18'05”, 9° John Tidd (SPA) in 23h18'27” e 10° il britannico Jez Bragg in 23h50'01”. Al momento non sono ancora arrivati corridori italiani al traguardo.

Strabiliante la prestazione della vincitrice della gara femminile, anche settima assoluta al traguardo di Chamonix. l'americana 26enne Rory Bosio, che in 22h37'26” stabilisce anche il nuovo record femminile, relegando sugli altri gradini del podio le spagnole che erano sbarcate a Chamonix con grandi speranze di vittoria, la seconda Nuria Picas in 24h32'20” e la terza Emma Roca Rodriguez in 24h48'14”. Ritirata l'azzurra Francesca Canepa seconda nel 2012 e tra le favorite di questa edizione, grande prestazione per l'emiliana Katia Fori, quarta in 27h48'45”.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti