Ubiale Mountain Run: vincono la prima tappa del circuito Lombardia Vivien Bonzi e Marco Zanga

Di GIANCARLO COSTA ,

Zanga Marco il vincitore Ubiale Mountain Run (foto Giorgio Pesenti Pegarun)
Zanga Marco il vincitore Ubiale Mountain Run (foto Giorgio Pesenti Pegarun)

Dopo tre rinvii per la pandemia in zona rossa e arancione finalmente è arrivata la sospirata zona gialla, e finalmente il gruppo amici monte Ubione e la società Autocogliati pegarun hanno avuto il via libera dal comune di Ubiale per effettuare questa bella gara in montagna interamente disegnata sul territorio ubialese. In dieci giorni, grazie alla velocità di tutti i volontari e a Pico Sport si è organizzata la prima tappa del circuito di Lombardia di Mountain run CSEN outdoor, seguendo scrupolosamente le norme anticovid. Anche le previsioni meteo non erano delle migliori ma in barba alle stesse la pioggia si è fatta sentire sul finire di questa interessante corsa. Il percorso di 15,2 chilometri per 1100 metri di dislivello è stato disegnato sui sentieri della Corna del Mass, monte di Ubiale, sulla cima coppi Corna Marcia e infine il monte Ubione. La gara è partita dal campo da calcio di Ubiale allo scoccare delle ore 9 e dopo pochi metri di discesa è iniziata la prima dura asperità.

Sulla Corna del Mass il primo a transitare è stato Bonaldi Sergio targato Autocogliati pegaran seguito a pochi secondi dai compagni di team Zanga Marco e Arrigoni Luca e poi a seguire il Falco di Lecco Brambilla Danilo. Poi il monte di Ubiale e la Corna Marcia hanno rimescolato le carte e nella lunga discesa fin sopra Clanezzo si sono involati al comando Zanga Marco e Arrigoni Luca; in questa fase di gara Brambilla Danilo si è posizionato saldamente alle spalle del tandem Autocogliati mentre Bonaldi Sergio ha dovuto abbandonare la contesa per un problema muscolare. Le posizioni non cambieranno più nemmeno sulla temutissima e dura salita all’Ubione dove quasi tutti gli skyrunner hanno dovuto usare le mani per salire. Poco prima del traguardo Arrigoni Luca cade rovinosamente e il vincitore Zanga Marco con un’ istinto assai solidale si è fermato ad aiutare il compagno a rimettersi in piedi per poi proseguire assieme verso il traguardo, negli ultimi metri si è assistito ad un’ appassionante volata con un’ arrivo quasi in contemporanea; questo finale ha consegnato, per un soffio, la vittoria a Marco Zanga, residente ad Albino in provincia di Bergamo, un successo che per il giovane Zanga è la prima vittoria in carriera con il time di 1h26’47”. Secondo Arrigoni Luca 1h26’47”, terzo Brambilla Danilo Falchi di Lecco 1h29’57”.

Nella Ubiale Mountain Run rosa una strepitosa Vivien Bonzi team Gareen Beahero ha fatto gara in solitaria e con il tempo di 1h45’02”, la giovane promessa bergamasca di Sorisole, ha alzato le braccia al cielo in segno di vittoria, argento per Gianola Francesca Gruppo escursionisti Falchi Olginatesi 1h51’03” e bronzo per Vagni Monica Atletica Paratico 1h55’12”.

Per classifiche https://www.picosport.net/it/ubiale-mountain-run/classifiche/61/

Di Giorgio Pesenti - Autocogliati pegarun

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti