Tutto pronto a Saluzzo per il Campionato Italiano di corsa in montagna a staffetta

Di GIANCARLO COSTA ,

Bernard Dematteis a Saluzzo nel 2018 (foto Damiano Benedetto)
Bernard Dematteis a Saluzzo nel 2018 (foto Damiano Benedetto)

Saluzzo e la corsa in montagna tricolore, un binomio di successo che per il secondo anno consecutivo è pronto ad accogliere atleti e atlete da tutta Italia e a rivestire il centro storico di bianco rosso e verde. Dopo il successo della prima prova dei Campionati Italiani di specialità (salita e discesa) del 2018, l’Atletica Saluzzo infatti ci riprova ed è pronta a lanciare il Campionato Italiano di Corsa in Montagna a Staffetta. Due i giorni di gare: sabato 11 maggio, al pomeriggio, riservato alle categorie giovanili, e domenica 12 maggio, al mattino, per le categorie assolute.

La settimana tricolore entrerà nel vivo già oggi lunedì 6 maggio con la conferenza stampa ufficiale di presentazione prevista alle ore 18.00 presso la Sala degli Specchi dell’Ex Caserma Mario Musso (piazza Montebello 1, Saluzzo).
La particolarità dell’evento sta nel percorso, punto di forza dell’edizione dello scorso anno come lo sarà per quella del 2019. Nella capitale del marchesato infatti la corsa in montagna va in città: si corre per le vie del centro storico e nei parchi privati delle ville della collina, grazie alla collaborazione dei cittadini saluzzesi che anche quest’anno aprono le porte delle proprie case alle gesta di quegli atleti che sono invece soliti per lo più ad andare per sentieri. E il successo del 2018 è stato tale che quest’anno non solo hanno confermato la propria disponibilità le famiglie che già avevano collaborato nella passata edizione, ma altre (due nella fattispecie) hanno aderito, desiderosi tutti di prendere parte in prima persona ad una due giorni di sport che è davvero una festa per grandi e piccini, un momento di partecipazione di tutto il Comune e non solo degli addetti ai lavori.

Saluzzo, città capitale di un antico Marchesato che dal 1140 al 1548 dominò il Piemonte Sud - occidentale fino a ritagliarsi un posto di prestigio fra i grandi regni europei, tornerà così ad offrire agli atleti e agli spettatori dell’evento tricolore tutte le proprie ricchezze storiche. Il tracciato di gara toccherà monumenti storici come la Castiglia, residenza dei Marchesi e poi adibita a casa penale, che verrà attraversata dagli atleti; l’Antico Palazzo Comunale e la Torre Civica, la casa-museo di Silvio Pellico che qui nacque nel 1789 e vi trascorse i primi anni di infanzia.

Due i giorni di gara, due gli arrivi e le partenze. Sabato 11 maggio il village, con la partenza e l’arrivo per le categorie giovanili, sarà infatti in Piazza Castello. Domenica 12 maggio, per gli assoluti, partenza e arrivo saranno invece posizionati in Corso Italia con la possibilità di seguire lo svolgimento della gara attraverso due maxischermi. Se per gli assoluti il percorso ricalcherà quello del 2018, con l’aggiunta di 2km per la prova maschile su tracciato complessivo di 7km, quello giovanile sarà una completa novità (non essendo categorie presenti nell’edizione di un anno fa): ricalcherà il percorso degli assoluti ma senza l’ingresso nella Castiglia. A proposito delle categorie giovanili, se cadetti/e (u16) e allievi/e (u18) si giocheranno il tricolore, la categoria ragazzi (u14) sarà invece in gara esclusivamente per il titolo regionale.

Lo scorso anno il Piemonte ai tricolori di staffetta di Arco di Trento si aggiudicò una doppietta tra i cadetti piazzando il Vittorio Alfieri Asti di Teshale Zanchetta e Girma Lombardo al primo posto davanti alla Pod. Valle Varaita di Simone Giolitti ed Elia Mattio. L’Atletica Saluzzo fu invece seconda tra le juniores con Anna Arnaudo e Marta Griglio, mentre i gemelli cuneesi Bernard e Martin Dematteis, portacolori della bresciana Corrintime, vinsero il titolo assoluto maschile insieme ad Henry Aymonod. Proprio Bernard lo scorso anno tagliò per primo il traguardo della prova individuale tra due ali di folla in Piazza Cavour, con Martin terzo alle spalle di Cesare Maestri.

Le iscrizioni resteranno aperte fino a mercoledì 8 maggio alle ore 24.00, cresce dunque l’attesa per conoscere le sfide a cui assisteremo nel 2019.

Fonte fidal piemonte

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti