Trofeo Vanoni - Morbegno (SO)

Di GIANCARLO COSTA ,

Maria Grazia Roberti (foto Chiampo Mondiali Campodolcino)
Maria Grazia Roberti (foto Chiampo Mondiali Campodolcino)

52° edizione del Trofeo Vanoni, gara internazionale di corsa in montagna a staffetta che segna il termine della lunga stagione delle corse in montagna. Una grande prestazione del trio dell'Atletica Valli Bergamasche composto da Zanaboni-Regazzoni-Lanfranchi, in 1:31'03" consegna il trofeo al solidazio orobico, che riesce a superare la nazionale francese di Segris-Bizet-Rancon, quest'ultimo autore del miglior tempo di giornata con 29'31". Terzo posto per la Recastello di Bosio-Costa-Ruga, che si mette alle spalle 2 squadre nazionali, la Polonia quarta e la Gran Bretagna quinta.

La grande stagione di Maria Grazia Roberti ha un'ulteriore sigillo in questo trofeo Vanoni, gara individuale per le donne. S'impone con il tempo di 22'46" su Cristina Scolari seconda in 23'03", la polacca Mariola Konowalska terza in 23'17", Alice Gaggi quarta in 24'09" e Ilaria Bianchi quinta in 24'32".

In allegato le classifiche complete.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti