Trofeo Scaccabarozzi "Sentiero delle Grigne" - Pasturo (LC) 21...9...2008

Di GIANCARLO COSTA ,

podio femminile
podio femminile

Kilian Jornet ed Emanuela Brizio vincono il Sentiero delle Grigne

  • Tempo di bilanci per la kermesse delle Grigne che ieri ha assegnato i titoli iridati FSA 2008;
  • A livello organizzativo è stato un successo a 360° con atleti e pubblico entusiasti;
  • Oltre al record partenti, 418 skyrunner tra mezza e SkyMarathon, ieri è caduto pure il best time della gara in rosa

Di Maurizio Torri (Ufficio Stampa Trofeo Scaccabarozzi)

Successo senza precedenti per i ragazzi del GSA di Missaglia che, ieri, hanno ufficialmente calato il sipario sulla Buff Skyrunning World Series.  E per il circuito mondiale di specialità è stato un finale in grande stile. Per capirlo basti citare il giovane Kilian Jornet: "Se dici skyrunning, dici Scaccabarozzi: questa è le gare delle gare sia per lunghezza che per tecnicità del tracciato. La federazione non avrebbe potuto scegliere una finale migliore". I complimenti, non sono giunti solo a livello sportivo: "Lo Scaccabarozzi è una vetrina importantissima sia dal punto di vista sportivo che turistico  - ha confermato il presidente della Provincia di Lecco Virginio Brivio -. La palestra naturale delle nostre montagne ben si addice a simili kermesse. Dobbiamo però capire che un simile scenario è  una risorsa di cui possiamo fruire ogni santo giorno. Il traino sportivo ed i grossi riscontri mediatici ottenuti dalla gara delle Grigne, spero possano servire per la promozione del nostro territorio". Sulla stessa linea pure il primo cittadino di Pasturo  Giuseppe Fusi: "Avere sul nostro territorio una manifestazione simile è motivo d'orgoglio. Al di là dell'aspetto prettamente sportivo, il merito degli organizzatori è stato avvicinare la Valsassina alla Brianza, facendo collaborare un numero veramente alto di volontari e associazioni. Guardando oltre i singoli campanili gli organizzatori hanno fatto qualcosa di grande". Già, perché la forza di questa gara è proprio l'impegno sinergico degli oltre 300 volontari: "Abbiamo un tracciato unico nel suo genere, inutile negarlo - a esordito Paolo Bellavite del GSA Missaglia -. Ma la nostra arma vincente è la passione e l'amicizia che ci unisce. Un grazie che viene dal cuore a tutti i volontari che sacrificano tempo libero e molte energie al buon esito della manifestazione. Ieri è stato davvero una gara mondiale sia per i numeri che per il livello acquisito. Otto anni fa quando siamo partiti per commemorare Giacomo non pensavamo  di toccare simili traguardi. Volevamo che il suo nome e la sua passione per la montagna arrivasse ad un numero di persone sempre più grande. Penso proprio che ci siamo riusciti". E per il futuro? "Ora è presto per parlare della prossima edizione- ha concluso il direttore gara Luigi Brambilla -. Probabilmente, come abbiamo già atto in passato, lasceremo spazio anche alle altre gare di entrare a far parte del ranking mondiale. L'idea è sperimentare qualcosa di nuovo nel 2009 per poi tornare alla grandissima nel 2010".  

La parte agonistica della gara ha visto le vittorie di Kilian Jornet Burgada ed Emanuela Brizio nella Skymarathon e di Mickail Mamleev  e Pierangela Baronchelli nella mezza skymarathon.

Il Sentiero delle Grigne era anche la prova finale della Buff® Skyrunner® World Series che laurea campioni mondiali di skyrunning, il giovanissimo catalano Kilian Jornet e l’esperta francese Corinne Favre, seconda al traguardo, che conquista il suo terzo titolo di specialità.

In allegato le classifiche complete, maschile skymarathon, femminile skymarathon, mezza maschile, mezza femminile.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti