Trofeo Nasego Vertical: a Casto Valentina Belotti e Nicola Pedergnana Campioni Italiani di chilometro verticale

Di GIANCARLO COSTA ,

Nicola Pedergnana vincitore Campionato Italiano Verical (foto fb Dondio)
Nicola Pedergnana vincitore Campionato Italiano Verical (foto fb Dondio)

Grande edizione del Campionato Italiano di chilometro verticale con il Trofeo Nasego Vertical a Casto in provincia di Brescia. Prima edizione ma con un cast stellare alla partenza e fuochi artificiali in gara per le prestazioni dei tanti atleti tra favoriti e sorprese. Manifestazione ufficiale Fidal e quindi corsa senza bastoncini, come spesso avviene nei Vertical dello skyrunning o del trail.

Le donne sono partite prima e quindi onore della cronaca per loro, con una stratosferica prestazione di Valentina Belotti, tornata alle gare dopo la maternità più forte che mai. Vince per distacco, e non poco, unica donna sotto i 40 minuti, prima in 39'23”, e devono passare 3'23” prima di veder arrivare la sagoma della vice campionessa mondiale di corsa in montagna Emmie Collinge, inglese di passaporto ma sua compagna di squadra dell'Atletica Alta Valtellina, squadra per cui hanno vinto quest'anno anche il campionato italiano di cross, giusto per dare la dimensione del loro valore assoluto nell'atletica non solo di montagna. Completa il podio chi è saputa salire anche su un podio olimpico, ma nello sci di fondo a Torino dieci anni fa', Antonella Confortola terza a soli 5 secondi dalla Collinge. Completano la top ten un'ottima Katarzyna Kuzminska 4a in 44'21”, Alice Gaggi 5a in 45', Beatrice Deflorian 6a, Elisa Desco 7a, Arianna Oregioni 8a, Raffaella Rossi 9a e Barbara Cravello 10a.

Si assegnavano anche i titoli italiani per le categorie, promesse e master. Giulia Compagnoni vince tra le promesse, Valentina Belotti tra le masterA e Ornella Bosco tra le masterB.

Le sorprese, almeno a livello di pronostico, arrivano dalla gara maschile, dove i protagonisti della top five arrivano dai vertical con bastoncini o dallo scialpinismo, tolto il vice-campione del mondo Bernard Dematteis. La vittoria va a Nicola Pedergnana in 34'45” dell'Atletica Clarina Trentino su Patrick Facchini 2° in 35'06”, 3° Bernard Dematteis in 35'13”, 4° Hannes Perkmann in 35'32”, 5° Marco Moletto in 36'01”, 6° Tommaso Vaccina in 36'06”, 7° Luca Cagnati in 36'17”, 8° Emanuele Manzi in 36'33”, 9° Marco De Gasperi in 36'45” e 10° Jonathan Wyatt in 37'23”.

Nelle categorie successo di Luigi Cristani negli junior, Henry Aymonod nelle promesse, Tommaso Vaccina nei masterA e Claudio Amati nei masterB.

In allegato le classifiche complete

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti