Trofeo Kima: non solo la grande corsa sul sentiero Roma

Di GIANCARLO COSTA ,

Marco De Gasperi sulle catene del Trofeo Kima (foto clickalps)
Marco De Gasperi sulle catene del Trofeo Kima (foto clickalps)

Trofeo Kima, un evento per tutti. Se la Ultra SkyMarathon, unica tappa italiana di Migu Run Skyrunner® Extreme Series, porterà sulle vette della Valmasino 300 top runner provenienti da 43 differenti nazioni con una percentuale di stranieri del 63%, sabato 25 agosto ad alzare il sipario su uno spettacolare week end di corse a fil di cielo saranno Kima Trail Running e MiniKima. Due differenti percorsi, da 14 e 6 km, un unico grande spettacolo con l’oasi della Val di Mello a fare da suggestivo scenario. Per queste due gare le iscrizioni sono aperte. E’ possibile riservarsi un pettorale inviando una mail a info@trofeokima.org.

Quartier generale dell’evento sarà, come di consueto, il Centro Polifunzionale della Montagna di Filorera. Il comitato organizzatore, composto quest’anno dall’associazione albergatori della Valmasino, proporrà due diversi percorsi rodati e disegnati ad hoc in base alla preparazione fisica di partecipanti. Il tracciato più breve, quello da 6 Km, più adatto ai giovani runner, famiglie e bambini, prevede il raggiungimento di San Martino lungo la ciclabile che costeggia gli argini del Masino, per poi tornare al centro polifunzionale sempre seguendo il medesimo itinerario.

Più improntato agli agonisti è invece l’anello da 14 Km che, data la conformazione del territorio, attira l’attenzione degli amanti del footing, degli abituali corridori in montagna, dei mezzofondisti e dei veri trailer. Partendo sempre dalla casa delle guide, si raggiunge il centro di San Martino per imboccare il sentiero che conduce in Val di Mello tenendo sinistra orografica. In questo spettacolare scenario, incorniciato tra alte vette granitiche e un fiume imponente, è lecito attendersi le prime fughe. Giunti all’altezza del rifugio Rasica, si effettua il giro di boa.

Da qui una caratteristica mulattiera, con tratti in leggera pendenza, porta sino al traguardo del Polifunzionale. Lungo gran parte del falso piano che arriva al “Gatto Rosso”, un tecnico ciottolato potrebbe esaltare le doti dei runner più spregiudicati.
Visti i feedback postivi delle ultime edizioni è stata confermata la nuova formula con riconoscimenti per i primi assoluti e diversi gadget a sorteggio tra i non premiati così da accontentare un po’ tutti. Tempi da battere sono quelli dell’orobico del Team Karpos Fabio Bazzana -57’44” nell’edizione 2014 – e della portacolori del Team Valtellina Elisa Sortini -1h10’15” siglato nel 2015-.

Fonte press office sportdimontagna

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti