Trail Monte Picaru: nella corsa tra ulivi e castagni poker di Marina Plavan e vittoria maschile di Giovanni Maiello

Di GIANCARLO COSTA ,

Marina Plavan (foto Valetudo skyrunning rosa)
Marina Plavan (foto Valetudo skyrunning rosa)

Di Marina Plavan

Domenica 6 ottobre. Autunno, tempo di castagne, voglia per l’ennesima volta di stare all’aria aperta con una temperatura mite. Ecco una buona occasione, correre per l’ennesima volta il Trail del Picaru, organizzato in quel di Cenesi, borgo situato nel comune di Cisano sul Neva, vicino ad Albenga, dove gli organizzatori dell’Albenga Runners ci hanno deliziato con quattro percorsi, per tutti i tipi di resistenza alla fatica! Percorsi competitivi di 17 km con 1113 metri di dislivello e il trail lungo di 36 km con un dislivello di quasi 2000 metri, una non competitiva di 5 km e un “baby trail” per i più piccini.

Capita per alcune gare, di legare il proprio cuore, e il Picaru è una di quelle, infatti questa è stata la mia quarta partecipazione. Dallo scorso anno il percorso di 36k è stato arricchito con una bella, ma infinita salita; mentre la corri ti ritrovi in mezzo alla vegetazione mediterranea, ma ahimè, la parte terminale dei suoi arbusti è assai tagliente, e le mie gambe graffiate lo testimoniano, in alcuni punti di questo tratto di percorso l’andatura di corsa è praticamente impossibile, per l’ovvio motivo di non dissanguare le gambe. Una volta terminata questa salita ci si lascia andare per la piacevole discesa finale di circa 10 km. Corsa dura dunque, fra ulivi, strade bianche, pietraie e cacciatori con il fucile in spalla in attesa di catturare qualche preda volatile.

Mentre su gran parte d’Italia le previsioni meteo non lasciavano presagire nulla di buono, domenica mattina a Cenesi la temperatura era mite e il vento in cresta spazzava via le nuvole per una vista a 360°.

Un centinaio gli atleti che si sono rincorsi su questo vario trail, con dei punti molto tecnici.

Vittorie sulla gara corta di Fumagalli Lorenzo su Parato Antonio e Riccardi Omar, per le donne Patrizia Mutti la spunta su Figliola Mara e Rubaldo Franca. Sulla lunga distanza in campo maschile ha primeggiato Maiello Giovanni su Zambarino Emanuele e Galluzzo Matteo, mentre in campo femminile la sottoscritta è riuscita a spuntarla su Laura Ricci ed Elena Righetti.

Premiazioni che hanno soddisfatto una buona parte dei partecipanti e un ottimo pasta party sono stati il degno contorno a questa manifestazione sportiva Ligure. Ammirevole la preparazione delle caldarroste da parte della Pro Loco di Cenesi, il palato degli atleti ne ha rimasto entusiasta.

Per classifiche:

http://www.albengarunners.it/

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti