Trail degli Invincibili: a Bobbio Pellice il 29 settembre lo sport incontra la storia

Di GIANCARLO COSTA ,

Paolo Bert (foto organizazione)
Paolo Bert (foto organizazione)

David le Capitaine, Paul Pellenc, David Mondon: ecco i nomi di alcuni dei 200/260 Invincibili (comprese alcune donne e qualche fanciullo) che nella primavera del 1686 si riunirono al Bessé, all’entrata del Vallone di Subiasco (attualmente definito “degli Invincibili”) nel Comune di Villar Pellice. Di lì si organizzarono per una primavera-estate di “guerriglia” al fine di tutelare le loro famiglie ed i loro beni sottrattigli dalle incursioni delle milizie savoiarde impegnate in una opera di persecuzione ed esproprio delle Valli Valdesi per compiacere Santa Romana Chiesa ed il monarca francese Luigi XIV. “Toutes les vallées sont exterminées, les habitants tués, pendus ou massacrés” sentenziarono a maggio 1686 i savoiardi ma invece… ebbero la meglio gli “Invincibili” sulle truppe del Duca Vittorio Amedeo II che fu costretto, nel settembre 1686, a sottoscrivere un accordo con quel manipolo di coraggiosi. Una importante pagina della Storia del Popolo Valdese e delle persecuzioni che ha subito nel corso dei secoli!

Eccola la “genesi” del Trail degli Invincibili che il 29 settembre con partenza ed arrivo al Laghetto Nais di Bobbio Pellice percorrerà quello stesso vallone e quegli stessi sentieri intrisi di Storia. Un Trail – Cult voleva allestire la Polisportiva Bobbiese e così è stato: lo sport esce dai suoi consueti confini ed incontra la storia!
Atto finale della stagione delle Corse in Montagna nella Valle Pellice, realtà territoriale che ha dato un contributo importante alla nascita ed allo sviluppo di questo sport fin dai tempi della denominazione “Marcia Alpina” e che ha nella Tre Rifugi il suo fiore all’occhiello.

20 i km e circa 1300 i metri di dislivello da superare transitando su sentieri incavati nelle rocce che caratterizzano il vallone. Percorso piuttosto veloce, per la specialità, che il plurivincitore Paolo Bert chiude in poco più di 1 ora e trentacinque minuti. Nessuna difficoltà tecnica ma solo uno scenario incombente e maestoso in un vallone che anche grazie al Trail degli Invincibili sta rilanciando la bellezza del suo territorio.
Attesi, per coerenza, da 200 a 260 protagonisti nonostante la concorrenza organizzativa oramai conclamata in uno sport che è divenuto (fortunatamente) di massa. Tra questi, per scelta organizzativa, numerosa e qualificata la presenza “forestiera” con atleti provenienti dalla Emilia Romagna, Lombardia, Liguria, Valle d’Aosta e dalle piemontesi ma remote Valle Sesia e Val Brevettola! Iscrizioni aperte su www.wedosport.net fino a tutto Giovedì 26 settembre; poi, se non raggiunto il tetto massimo di iscritti, entro le ore 8,00 di domenica 29 settembre sul luogo di ritrovo. La partenza è prevista alle ore 9,30 con conclusione alla festa finale allestita nella apposita tensostruttura predisposta.

Per tutte le ulteriori informazioni www.traildegliinvincibili.it

Di Carlo Degiovanni

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti