Trail d’Oc: un evento di trail-running per (ri)scoprire le valli Occitane

Di GIANCARLO COSTA ,

Trail D'Oc 2014 (foto Marta)
Trail D'Oc 2014 (foto Marta)

“Quattro paesi un solo cammino” è il nome del progetto che lega quattro piccoli comuni di montagna (Massello, Ostana, Abries(FRA) e Usseaux), inseriti all’interno della Rete “Alleanza nelle Alpi”, con lo scopo di creare un’offerta turistica alternativa e complementare per rilanciare il turismo sostenibile. I sentieri che collegano questi quattro comuni creano un bellissimo percorso di circa 80km con oltre 6000m di dislivello positivo. La scorsa estate si è svolta una prima ricognizione tecnica del tracciato, con lo scopo di valutare lo stato dei sentieri, misurarne con il GPS distanza e dislivelli, effettuare un reportage fotografico ed identificare le singole sedi di tappa.

Sono state scelte come sedi di tappa: Ostana, il Rif.Jervis in Alta Val Pellice, Abries (FRA), Massello e Fenestrelle. Il percorso è stato suddiviso in 5 tappe (15/20km per ogni tappa) e sono state coinvolte due associazioni sportive per curare l’organizzazione dell’evento; in particolare l’ASD SGE20 (www.sge20.com) è stata incaricata dell’organizzazione tecnica della gara (forte delle sue esperienza di organizzazione del Bardonecchia Thabor Trail e dello Snow Night Trail) e l’ASD Mandala Trail (www.mandalatrail.it) è stata incaricata della comunicazione e promozione dell’iniziativa, grazie alla pluriennale esperienza nell’organizzazione di gare a tappe in tutta Italia: come il Sicily Volcano Trail e l’Amalfi Coast Trail.

Il trail-running si addice perfettamente al progetto di sviluppo di “Quattro paesi un solo cammino”, in quanto la ricerca di territori incontaminati, ricchi di storia e tradizione sono l’elemento essenziale per il trail-running. La scelta di organizzare un evento a tappe, è un segnale preciso di come i comuni vogliano far scoprire e vivere il proprio territorio ai partecipanti, unendo una competizione sportiva ad una vacanza, che proponga tutte le peculiarità del territorio a partire dall’enogastronomia fino ad arrivare alle tradizioni popolari.

Pochi giorni fa si è svolta l’edizione 0, ovvero il test generale del Trail d’Oc. Sono stati invitati a partecipare un giornalista e ultrarunner francese (Sylvain Bazin), famoso per aver percorso a passo di corsa gli oltre 2200km della Via Francigena da Canterbury a Roma; un giornalista e blogger spagnolo; un fotoreporter italiano ed una ultra-runner varesina che da più di 30 anni partecipa a competizioni di corsa in tutto il mondo. Il gruppo è stato condotto da Sergio Gallicet, organizzatore dell’evento, e giorno per giorno si sono uniti runner che hanno collaborato al progetto: Lorenzo, un’aspirante guida biellese che ha realizzato le carte del percorso; Giorgio in rappresentanza dell’azienda Ferrino che sostiene il progetto e Patrizia che ha collaborato come reporter.

Il test è stato un successo al 100%, entusiasti i commenti dei partecipanti che hanno scoperto un angolo nascosto e poco conosciuto delle Alpi piemontesi. Complice anche le difficili condizioni meteorologiche delle prime tre giornate, il gruppo ha potuto constatare che il percorso non presenta particolari difficoltà tecniche e che ogni 2/3 ore si può accedere ad un punto d’appoggio (rifugio o abitato), molto importante per garantire la sicurezza in ottica gara. L’entusiasmo raccolto nei vari posti tappa è stato alto, c’è voglia di riscatto da parte degli operatori turistici ed il Trail d’Oc parte con il piede giusto. L’esperienza è stata condivisa in tempo reale sui social-media in particolare sulla pagina facebook di Mandala Trail( http://www.facebook.com/mandala.trail.running) e sul profilo Instagram; non sono mancati i commenti da parte dei runner ansiosi di partecipare.

La data per la 1° edizione del Trail d’Oc è stata fissata dal 15 al 20 settembre 2015 e prevederà le seguenti tappe:

1° Ostana – Rif. Jervis: 18km / D+1770m / D-1770m; passaggio dal colle della Gianna e dal col Manzol

2° Rif.Jervis – Abries (FRA): 15km / D+920m / D-1100m; passaggio dal colle dell’Urina

3° Abries – Prali: 18km / D+1315m / D-1580m; passaggio al col St.Martin e colle della Gran Guglia

4° Massello-Massello: 10km / D+350m / D-350m; con spettacolare passaggio nella miniera di Prali

5° Massello-Fenesetrelle: 22km / D+1360m / D-1560m; passaggio al colle dell’Albergian

per un totale di 83km / D+5700m / D-6360m

Per maggiori informazioni potete consultare: http://www.mandalatrail.it/it/16-21-settembre-trail-d-oc

Si è scelto di puntare sul Trail d’Oc per rilanciare il turismo sostenibile, per creare un evento che faccia da cassa di risonanza ad un progetto di rinascita molto più ampio. I sentieri che percorreranno gli atleti di corsa, potranno essere utilizzati durante la stagione estiva dalle guide escursionistiche locali che organizzeranno trekking itineranti per i propri clienti, i prodotti tipici che verranno gustati durante le cene post-gara potranno essere presentati, promossi e utilizzati dai ristoranti e rifugi che li proporranno ai clienti durante tutto l’anno. Il Trail d’Oc vuole essere un progetto che consenta a comuni e comunità, che negli ultimi anni sono rimaste “isolate” a causa della loro posizione geografica, di ristabilire rapporti di collaborazione e di scambio con realtà con le valli limitrofe, grazie ad un flusso di sportivi che li mette nuovamente in comunicazione. Buon cammino Trail d’Oc!

Di Stefano Marta

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti