Tor di Veladzo – Champdepraz (AO): buona la prima

Di GIANCARLO COSTA ,

Tor di Veladzo bambini
Tor di Veladzo bambini

Domenica pomeriggio 8 giugno, a Champdepraz all'ingresso del parco naturale Mont Avic, s'è disputata la 1a edizione del Tor di Veladzo, gara di corsa sulla distanza di 6,7 km, su un percorso misto nei pressi della località valdostana. Organizzata dalla Polisportiva Mont Avic, con Paola Peaquin nel ruolo di presidente e Dennis Brunod in quello di organizzatore tuttofare e corridore (con il supporto di Pro Loco, Amministrazione Comunale, del senatore Albert Laniece e di tutti i volontari di Champdepraz), con un occhio particolare alla gara dei bambini, che in tanti hanno partecipato all'evento.

Organizzatore, corridore e vincitore Dennis Brunod con il tempo di 28'01”, alle sue spalle Ioan Maxim 2° in 28'25”, Franco Collè 3° in 28'50”, Mathieu Brunod 4° in 28'51” che precede il papà Bruno Brunod 5° in 30'40”.

La gara femminile se l'aggiudica Anna Guigue in 44'00” su Cristina Rossi seconda in 44'46” e Adriana Zappalà terza in 47'03”.

La classifica completa in allegato.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti