A Tavagnasco (TO) Enzo Mersi e Barbara Cravello si aggiudicano la più antica corsa in montagna d'Europa

Di GIANCARLO COSTA ,

Tavagnasco corsa ai Piani
Tavagnasco corsa ai Piani

Giunta alla 64a edizione la Tavagnasco-Santa Maria Maddalena ai Piani, anche ribattezzata Km Verticale, da qualche anno quand'è ritornata al percorso originale con partenza dal ponte fino ai Piani per la linea di massima pendenza fatta di mulattiere prima e poi di sentieri che tagliano dritto su per boschi e prati senza offrire il rilancio di un tornante, rimane una corsa che ha un suo fascino pur nel marasma delle tante gare in montagna che popolano le domeniche estive delle Alpi.

Tavagnasco ha un fascino antico, delle corse, anzi delle “marce alpine” di una volta, e in effetti è la più antica corsa in montagna no solo d'Italia, ma anche d'Europa. Sono 4,4 i chilomtri, ma ben 1050 i metri di dislivello da salire, su pendenze che nella seconda parte accreditano la gara come Km Verticale Nazionale Fidal, in cui non si possono usare i bastoncini come in quelle dello skyrunning.

Parla biellese questa edizione n° 64, perchè i vincitori sono di questa provincia. Enzo Mersi, portacolori dell'Atletica Monterosa a cui fa' riferimento il Comitato Organizzatore della Corsa ai Piani che ha in Marco e Luigi Morello, l'anima e il cuore di questa manifestazione, e Barbara Cravello.

Nella gara maschile Enzo Mersi fa il vuoto dopo circa 20 minuti di gara, cioè nella seconda parte quando le pendenze si sono fatte proibitive. Reduce da qualche acciacco fisico e dal secondo posto di domenica scorsa alla Sordevolo-Rifugio Coda alle spalle dell'asso rumeno Ionut Zinca, oggi ha corsa alla grande, arrivando a traguardo dei Piani in 40'43”, seguito sul podio dall'ottimo Giovanni Bosio 2° in 43'32” specialista delle discese ma valido scalatore e da Juan David Orozco Sanchez specialista delle corse su strada e collinari, che oggi ha fatto una buona gara 3° in 43'59”. Completano la top ten Stefano Giaccoli 4° in 44'18”, il giovane emergente Andrea Patrucco 5° in 44'20”, Luca Vacchieri 6° in 44'21”, Alfonso Bracco 7° in 45'44”, Roberto Giachino 8° in 46'24”, Giancarlo Costa 9° in 46'31” e Luca Cobetto 10° in 46'33”.

Lotta fino all'ultimo metro per conquistare la vittoria della gara femminile tra Barbara Cravello e Ornella Bosco, giunta a sorpresa alla partenza visto che solo 24 ore prima era stata protagonista a Malonno nel Campionato Italiano Vertical, arrivando quarta, ma conquistando il bronzo tricolore e titolo Master. Solo 3 secondi le separano al traguardo, 49'08” per la vincitrice Cravello e 49'11” per la 2a Bosco, con il podio completato da Elisa Arvat 3a in 51'29”, con Lara Paganone 4a in 53'11” e Nadia Re 5a in 55'17”.

In allegato la classifica completa e le foto della 64a Tavagnasco-Santa Maria Maddelana ai Piani.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti