Tartufo Trail Running: il 6 ottobre si corre nel cuore degli Appennini a Calestano

Di GIANCARLO COSTA ,

Tartufo trail Calestano (2)
Tartufo trail Calestano (2)

E’ giunto alla sua 12a edizione il Tartufo Trail Running, la prova di Calestano (PR) che portando i corridori a scoprire le bellezze dell’Appennino Parmense si è pian piano scavato un posto importante nel calendario dell’offroad nazionale. La forza del Tartufo Trail è quella di avere coniugato nella maniera migliore due specialità della corsa nella natura, il trail e lo skyrunning, infatti le sue quattro prove disputate in contemporanea accontentano e coinvolgono entrambi i mondi, portando a correre a Calestano il meglio della corsa fuoristrada nazionale.

Tutti i tracciati di gara sono disegnati all’interno del territorio dell’Appennino Tosco-Emiliano che dal 9 giugno 2015 è stato dichiarato dall’Unesco “Riserva MAB”, riconoscimento estremamente prestigioso attribuito solo a quelle piccole porzioni del pianeta dove c’è un perfetto equilibrio tra uomo e natura e proprio in tal senso l’impatto che la manifestazione ha sempre avuto è ridotto al minimo, pur permettendo ai partecipanti di percorrere e quindi ammirare bellezze come le come del Monte Sporno e del Montagnana, le guglie dei Salti del Diavolo ma anche il passaggio della Via Francigena, contornati dai tipici colori dell’inizio autunno.

Quattro come detto le prove previste: la principale è l’Ultra SkyMarathon, 77,8 km per 4180 metri che da anni è colonna portante delle Skyrunner National Series che assegna 4 punti UTMB. A seguire c’è la SkyMarathon, 51,7 km per 2.530 metri che assegnerà 3 punti qualificativi per l’Ultra Trail du Mont Blanc del 2020. La SkyTrail Monte Sporno, di 28,4 km per 1.370 metri, porterà in dote 2 punti, infine è previsto lo SkyTrail Decouverte di 17 km per 930 metri, aperto a tutti. Il costo dell’iscrizione è di 65 euro per l’Ultra, 50 per la SkyMarathon, 35 e 25 euro per i due trail, con chiusura improrogabile fissata per il 1 ottobre o al raggiungimento del tetto massimo di 500 partecipanti fra le quattro gare.
Epicentro della corsa sarà Piazza Europa a Calestano (PR) da dove verrà dato il via alle 7:00 per le due gare più lunghe. Gli SkyTrail scatteranno invece alle 8:00. Nei dintorni della piazza saranno approntati tutti i principali servizi, come docce e spogliatoi per i quali saranno ben due le postazioni, alla scuola media e al campo sportivo. Per il pernottamento si potrà optare per un posto presso la palestra di Calenzano, attrezzata per l’occasione, o alloggiare presso alcune strutture convenzionate con l’organizzazione a prezzi modici e l’occasione è davvero ideale per unire alla manifestazione podistica anche per conoscere il caratteristico borgo di Calestano con edifici risalenti addirittura al Duecento e volte architettoniche che lasciano a bocca aperta, soprattutto per alcuni affreschi prospicenti che abbelliscono le mura del borgo. Senza dimenticare le grotte di Calestano, ad appena 10 minuti di cammino dal centro abitato, un’autentica rarità nell’intero Appennino emiliano.

Per informazioni: Skyrunning Adventure, www.tartufotrail.it

Fonte organizzazione

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti