Sui Sentieri di Torre Pellice (TO) i Camosci sono Paolo Bert e Daniela Bonnet

Di GIANCARLO COSTA ,

Podio maschile Sentiero dei Camosci Torre Pellice (foto FB Bert)
Podio maschile Sentiero dei Camosci Torre Pellice (foto FB Bert)

Il Sentiero dei Camosci è una corsa in montagna di 12 km circa con 900 metri di dislivello sia in salita che in discesa, in una valle, la Val Pellice, che fa della corsa sui sentieri una vera filosofia di vita.

Protagonista di questa edizione 2016 ancora una volta Paolo Bert della Podistica Valle Infernotto griffato La Sportiva, che vince con lo sguardo già rivolto alla Spagna, alla mitica Zegama-Aitzkorri, la maratona in montagna dei Paesi Baschi che si correrà domenica. Per lui vittoria e nuovo record della gara in 1h04'16”, mentre alle sue spalle c'è battaglia per salire sul podio, con Paolo Nota 2° in 1h08'00”, Luca Vacchieri 3° in 1h08'11”, Claudio Garnier 4° in 1h08'21” e Giovanni Bosio 5° in 1h08'58”.

Nella gara femminile vittoria di Daniela Bonnet in 1h27'21”, 2a Elisa Beltramo in 1h32'54” e 3a Denise Pallavicini in 1h38'25”.

In allegato la classifica completa.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti