Sport e benessere: mens sana in corpore sano

Di ALBERTO ,

equilibrio
equilibrio

 Dalla collaborazione con Sportinmente - www.sportinmente.org - Rivista divulgativa di psicologia dello Sport

A cura di:  Roberta Lecchi, psicologa Benessere vuol dire stare bene. Ma in che termini? Il concetto di salute ha subito evoluzioni nel tempo. Oggi l’Organizzazione Mondiale della Sanità parla di salute come di “uno stato di completo benessere fisico, psichico e sociale, e non semplice assenza di malattia”.
È quanto mai evidente come, in questo senso, la salute sia strumento e non fine da perseguire, nell’arco dell’esistenza. La salute non è altro che una risorsa che ci consente di condurre una vita armonica e produttiva a livello individuale e sociale.
Già dall’antichità giungono moniti forti. “Mens sana in corpore sano” resta oggi una grande verità.
Focalizzare l’attenzione sulla salute mentale significa far riferimento ad uno stato di benessere emotivo e psicologico nel quale l'individuo è in grado di sfruttare le sue capacità cognitive o emozionali, esercitare la propria funzione all'interno della società, rispondere alle esigenze della vita di ogni giorno.
La salute mentale si associa alla capacità di stabilire relazioni soddisfacenti e mature con gli altri, partecipare costruttivamente ai mutamenti dell'ambiente, preservare una buona immagine di sé, provare ed esternare emozioni.
L’attività motorio-sportiva, in questo scenario, ha un ruolo chiave. I benefici dello sport nel promuovere lo stato di benessere individuale vanno letti a 360 gradi, in qualsiasi momento del ciclo di vita.
Se praticata con una corretta intensità, l’attività motoria fornisce un supporto di prevenzione sanitaria importante. Lo sport insomma è un farmaco senza effetti collaterali
Dedicarsi ad un’attività sportiva, significa anche promuovere relazioni interpersonali, confronto e scambio.
Inoltre, come in tutte le attività in cui occorrono determinazione e impegno, fare sport migliora l'autostima, innalza la fiducia in sè stessi e nei propri mezzi.
Ma soprattutto lo sport fa bene all’umore. Quando il tono dell’umore si abbassa dilagano i pensieri negativi, si afferma una visione pessimistica di sé, dell’ambiente, del futuro. Le attività si bloccano, si accentua un atteggiamento rinunciatario, il fare si subordina al pensare.
L’attività sportiva, invece, riporta alla concretezza del fare ogni qual volta occorra spezzare il circolo vizioso del pensare negativo.
Per maggiori informazioni: info@sportinmente.org