Sestriere: tripletta di Paolo Bert alla Tre Funivie, tre le donne s'impone Debora Cardone

Di GIANCARLO COSTA ,

Paolo Bert all'arrivo in una precedente edizione
Paolo Bert all'arrivo in una precedente edizione

Di Ezio Romano

Una splendida giornata di sole ha accompagnato i partecipanti alla 3 Funivie Sestriere svoltasi sabato 17 agosto. La mitica corsa in montagna, che prende il nome dalle vecchie stazioni di arrivo delle funivie (Sises, Motta e Fraiteve), è stata dominata per il terzo anno consecutivo da Paolo Bert che ha migliorato, di circa due secondi, il proprio primato personale facendo segnare il tempo di 2h02'51.

Nonostante un lieve infortunio alla gamba, l'atleta del team La Sportiva non ha avuto avversari capaci di impensierirlo più di tanto lungo i 19 km di percorso per 1.600 metri di dislivello con partenza e arrivo in piazza Fraiteve. Alle ore 9.00 i concorrenti hanno preso il via attraversando Via Louset e poi il campo da golf prima di andare allattacco della salita che porta alla stazione di arrivo della funivia Sises (2.608). Uno strappo di 1,3km per un dislivello di 573 metri, che ha fatto immediatamente selezione. Il serpentone si è ulteriormente allungato verso Passo San Giacomo (2.638) e poi ancora sino alla vecchia stazione di arrivo del Banchetta (2.549). La discesa verso Sestriere ha visto Paolo Bert presentarsi per primo al passaggio in piazza Fraiteve con oltre due minuti di vantaggio sugli inseguitori. A questo punto Bert ha gestito la corsa salendo a Col Basset (2.424) sino ad arrivare alla stazione del Fraiteve (2.701).  Poi l'ultima discesa incitato dagli escursionisti e dal pubblico che lo ha applaudito al traguardo in piazza Fraiteve.

È sempre una bella gara - ha dichiarato il campione di Bricherasio, classe 1978 - mi piace correre sulla distanza di due ore e su queste montagne. Ho puntato molto sulle salite per accumulare vantaggio da gestire nelle discese che ho affrontato con calma per non correre rischi inutili. La seconda piazza è andata a Luca Vacchieri, mentre la terza a Claudio Garnier.

Tra le donne la più veloce è stata Debora Cardone, undicesima assoluta, che con il tempo di 2h24'42” ha fatto segnare in nuovo record femminile della manifestazione dalla sua riedizione, ovvero dal 2010, che apparteneva alla francese Corinne Favre (2h25'41”).

“Mi ispirava molto il percorso ha detto Debora Carbone (classe 1975 di Cossolo, Valli di Lanzo) - pur non avendolo mai fatto prima d'oggi. Ho cercato di tirare fin dallinizio per godermi un po le discese. Sono molto contenta per aver vinto alla mia prima partecipazione e di aver migliorato anche il record femminile. Completano il podio in rosa Daniela Bonnet (2h42'20”) ed Elena Tornatore (2h4709).

Il premio speciale per la discesa più veloce dal Monte Fraiteve all'omonima piazza è andato a Massimo Garnier che ha coperto la distanza in 11'48”.

In gara anche Mario Andreolotti (classe 1952), atleta sestrierese che detiene

il primato assoluto stabilito nel 1984 con il tempo di 1h45'18”. Andreolotti

ha chiuso nei primi quindici la prima parte di gara, rinunciando alla salita

finale verso il Fraiteve in quanto in preparazione per il Memorial Partigiani

Stellina in programma domenica 25 a Susa. Con lui anche un altro atleta

sestrierese, Pierluigi Lantelme, che ha interrotto per lo stesso motivo la

corsa al passaggio intermedio di Piazza Fraiteve.

Tanti i premi in palio offerti dagli sponsor della manifestazione con Paolo

Bert che è stato premiato dal sindaco Valter Marin con il trofeo Memorial

Dante Moschini realizzato dal Maestro Carlo Piffer. Debora Carbone è stata

invece premiata con un'opera futuristica dell'artista emergente Diego Cordara.

LA STORIA DELLA 3 FUNIVIE - La corsa è nata a cavallo tra gli anni 70 e 80

anni come prova amatoriale. Dopo una prima pausa la 3 Funivie di Sestriere

tornò in auge in chiave più agonistica ad inizio anni 90 come prova per il

campionato italiano di corsa in montagna e, successivamente, anche come gara

valida per il campionato europeo con al via gli specialisti di ben 12 nazioni!

Seguì un nuovo periodo di pausa sino alla riedizione del 2010.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti