Sul Sentiero 4 luglio - Maratona del cielo di Corteno Golgi (BS) vittorie di Brizio e Pivk sulla lunga e Benedetti e Danesi nella corta

Di GIORGIO PESENTI ,

Emanuela Brizio trionfa sul Sentiero 4 Luglio (foto Valetudo)
Emanuela Brizio trionfa sul Sentiero 4 Luglio (foto Valetudo)

Domenica 6 luglio, complice un meteo perfetto per correre, cielo azzurro a chiazze, aria fresca e nuvole benevole che tenevano lontano i raggi solari dalla capoccia dei runners, da Corteno Golgi a Santicolo in provincia di Brescia, i fortunati corridori del cielo presenti al 4 luglio hanno gioiosamente interpretato alla grandissima questa 19a edizione della Maratona del cielo della valle Camonica Alta. Ho usato il termine esagerata perché questa competizione di skyrunning nonostante le mode e gli anni che trascorrono riesce in forma indelebile, con le sue durezze altimetriche ed i suoi paesaggi d’alta quota, a far palpitare il cuore dei corridori del cielo che riescono a inserire il proprio nome in classifica.

Le partenze delle due competizioni, skymarathon 43 km per un dislivello +/-2700 metri e la mezza di 22 km per un dislivello +/- 1500 metri, sono avvenute in contemporanea; la femminile alle ore 06.45 mentre quella maschile alle ore 07.30.

Nella skymarathon rosa c’è stata un partenza a razzo dell’aquila Valetudo rosa Rampazzo Silvia che sulla prima salita che porta allo Zappello dell’asino a quota 2026 distanzia la compagna di team Valetudo Rosa, una certa Brizio Emanuela, di un trecento metri, ma poi nella prima discesina la Manu ricuce subito lo svantaggio e inizia la sua marcia trionfale. Anche nella gara maschile succede il finimondo nei primi mille metri di dislivello, con un passaggio cronometrico di questi primi 10 km in 50 minuti. Fino a questo punto della corsa gli sfidanti di Tadei Pivk, gli Iberici Jessed Hernandez, Marc Pinsach e Aurell Bove le tentano tutte per mettere in difficoltà il Friulano, ma dopo la prima salita gli animi degli attaccanti si placano e le leve di Pivk iniziano a girare a mille per cui in vetta al gpm di cima Sellero a 2744 metri, il suo vantaggio risulta già incolmabile.

Identica la situazione nella sky femminile, la Brizio prende il volo e alle sue spalle si vede in lontananza solo la sagoma esile della compagna di società Silvia Rampazzo, alla sua prima esperienza in una skymarathon. Sotto l’arco di trionfo di Santicolo il gigante dello skyrunning Tadei Pivk del team Aldo Moro Paluzza alza le braccia al cielo con il tempo di 4h14’47”, realizzando un bel tris di vittorie consecutive. Alle sue spalle tre Iberici: Pinsach Rubirola Marc 4h25’18” team Dynafit, Hernandez Gispert Jessed 4h30’46” team Inverse e Aurell Bove Perez 4h37’54” Calles Ous Roig, 5° il Valetudo Belinghieri Clemente che intervistato all’arrivo ha dichiarato allo speaker che ha fatto tanta fatica a tirare giù al traguardo il suo cadavere. Sempre simpatico e spontaneo il Belinghieri, oltre ad essere una bravo corridore riesce sempre, con le sue battute in Bergamasco, a far sorridere tutte le persone che si trovano nei pressi degli arrivi, il suo tempo finale è stato di 4h45’05”. Per la Valetudo 37° Gritti Luigi.

Nella skymarathon rosa l’aquila Brizio con il tempo di 5h25’02” alza il nastro d’arrivo verso il cielo del 4 luglio per la sesta volta in carriera, sono però sette le volte che la Manu trionfa qui a Santicolo perché alcuni anni orsono si era anche aggiudicata la mezza; oltre alle sette vittorie il suo record personale in questa competizione Camuna sta nel fatto che quando qui non ha vinto è sempre comunque andata a podio. Seconda un’altra Valetudo “la solare” Silvia Rampazzo, buono il suo tempo di 5h40’15” alla sua prima esperienza nelle skymarathon. Terza Moraschinelli Lucia team Valtellina 6h38’39”, 4^ Romanin Paola 6h46’05” team Aldo Moro Paluzza, 5^ Manzoli Emanuela 7h17’08”.

Nella skyrace maschile è successo una battaglia podistica incredibile, la start list era piena zeppa di atleti di ottimo livello e dopo le scaramucce iniziali quando il percorso era filante e veloce, la corsa si è animata grazie ai due best runner Pintarelli Gil del team Crazy e il Valetudo skyrunning Italia Danesi Gianfranco. Gil in salita ha fatto valere le suo doti di scalatore e sul passo Salina, gpm della gara a quota 2433 sul livello del mare, il forte Pintarelli svetta in solitudine, poi l’aquila Danesi rompe gli indugi e nonostante un piccolo errore di percorso riesce con qualche rischio in discesa a rientrare nel tracciato di gara e con numeri da vero discesista scatenato prima raggiunge Pintarelli e poi lo stacca inesorabilmente. Danesi Gianfranco ci stà prendendo gusto alla vittoria, sette giorno orsono ha messo tutti in riga nella skyrace Biella monte Camino, e con una corsa ancora abbastanza agile, nonostante un ginocchio malconcio su cui verranno applicati alcuni punti, anche questa mezza del 4 luglio va a finire sul suo curriculum con il tempo di 2h02’04”. Secondo Pintarelli Gil in 2h06’04” anche per lui un’ammaccatura su una caviglia, terzo Bianchi Filippo team dimensione sport in 2h06’20”, 4° il Bergamasco Valetudo Carrara Luca 2h09’13”, 5° Trentin Davide 2h10’21” Atl. Alta Valtellina, per il Valetudo team: 19° Persico Vincenzo, 42° Benvenuti Fabio. Nella skyrace femminile vittoria meritata per Benedetti Debora A.S. Premana in 2h39’02”, 2^ Franzini Nadia A.S. Paratico 2h53’34”, Maglia Giovanna Osa Valmadrera 3h15’58”, 4^ la favorita della mezza Combi Lorenza 3h30’08” che non ha avuto la freddezza di ritornare sui suoi passi quando è incappata nel suo errore di percorso, stesso discorso fatto per Lorenza vale anche per la quinta classificata Aquistapace Monia 3h30’08” della Sport Race Valtellina.

Un sincero ringraziamento a tutto lo staff dell’organizzazione del 4 luglio, tutti i volontari sono sempre impeccabili e molto cordiali nello svolgere il loro prezioso servizio, poi il sistema di sicurezza sul percorso con l’elicottero e di una professionalità ineguagliabile.

Di Giorgio Pesenti

  • Sono nato a Brembilla, nel bergamasco, e ora vivo a Almenno San Salvatore. Dal 2004 sono presidente della Valetudo skyrunning e collaboro con il network OutdoorPassion dal 2011.



Può interessarti