Sabato e domenica si assegnano a Colere e al Passo della Presolana (BG) gli scudetti di Km Verticale e di Lunghe Distanze della corsa in montagna

Di GIANCARLO COSTA ,

Lo Chalet dellAquila e la Presolana dalla cima degli impianti di Colere
Lo Chalet dellAquila e la Presolana dalla cima degli impianti di Colere

Sabato e domenica intensi per la corsa in montagna italiana. Il fine settimana ospita infatti i Campionati Italiani Individuali e di Società di corsa in montagna lunghe distanze e di chilometro verticale, entrambi a  Colere (BG).  Si assegnano sia i titoli Assoluti che under23 e master di entrambe specialità. La manifestazione è distribuita su due giorni: sabato va in scena il Km verticale da Colere allo Chalet dell’Aquila, con arrivo in cima alla stazione sciistica. Domenica invece il Trail della Presolana è valido per i Tricolore lunghe distanze: partenza e arrivo sono al passo della Presolana.

Informazioni per il pubblico:
Comitato Organizzatore
Fly-Up Sport - Mario Poletti
cel. 335.5841659
info@fly-up.it
Stefano Vedovati
ste.vedovati@gmail.com
​Sabry-Bg
sabrybg@hotmail.it

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti