Roberto Ghidoni e il film Tracce nella neve al negozio DF Sport Specialist a Bevera di Sirtori

Di GIANCARLO COSTA ,

Roberto Ghidoni a DF Sport Specialist
Roberto Ghidoni a DF Sport Specialist

Resistenza alle condizioni estreme, determinazione, spirito di sacrificio e soprattutto grande amore per la natura. E’ stata una serata particolarmente emozionante quella che ieri sera ha avuto come ospite l’atleta estremo Roberto Ghidoni nel negozio DF Sport Specialist a Bevera di Sirtori per il ciclo “A tu per tu con i grandi dello sport”.

Roberto Ghidoni, ex ultramaratoneta e vincitore di diverse edizioni della famosa Iditarod Trail Invitational, ha raccontato la propria esperienza in questa gara di estrema difficoltà tra i ghiacci dell’Alaska, in completa autosufficienza, su un percorso di circa 1800 km che unisce Anchorage a Nome.

Le sue parole e il film “Tracce nella neve” di Marco Preti, che seguì da vicino l’avventura di Ghidoni nel 2005 quando nella versione Sud stabilì un nuovo record di 23 gg, 9 ore e 55 minuti, hanno suscitato l’ammirazione e la curiosità del folto pubblico in sala.

“Dopo un’esperienza del genere – ha detto Ghidoni - la cosa più difficile è stata rientrare nella quotidianità. Una solitudine così estrema, il profondo contatto con la natura, la sensazione di essere parte integrante di quell’universo, ti rende impossibile tornare a consumare i giorni nella normalità. Ho iniziato a raccontare questa mia esperienza tra serate e incontri con persone che soffrono, ad esempio nelle carceri, per trasmettere a qualcuno ciò che mi implodeva dentro”.

L’orientamento tra le pianure sconfinate di quelle terre, le tempeste di vento e neve, il dolore ai piedi, la difficoltà di mangiare e recuperare le energie spese camminando anche per 36 ore di fila senza dormire, sono solo alcuni dei problemi incontrati su questo percorso estremo.

Ghidoni, che da giovane ha lasciato l’università per fare il contadino e ora vive a 1200 metri di quota, ha detto “Amo l’estremo perché ti dà il senso delle piccole cose. L’Iditarod è una gara di estremo disagio, il segreto per superarla è saper reagire alle innumerevoli difficoltà incontrate”.

Roberto Ghidoni ha vinto 4 edizioni di questa gara, partecipato per diversi anni nelle diverse tipologie di lunghezza del percorso, sempre a piedi trainando la sua pulca. Nel 2005, anno del record, partirono in 48 da Anchorage per arrivare solo in tre al traguardo: Ghidoni fu il primo; il secondo atleta arrivò 15 giorni dopo di lui.

Una curiosità: il percorso dell’Iditarod nasce dall’episodio che diede ispirazione il film d'animazione "Balto": nel 1925, un'epidemia di difterite colpì la città di Nome e date le pessime condizioni meteo, solo le slitte furono in grado di far arrivare rapidamente l'antitossina da Anchorage.

Articolo Publiredazionale

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti