Record mondiale di mezza maratona a Istanbul della keniana Chepngetich

Di GIANCARLO COSTA ,

Record mondiale di mezza maratona a Istanbul della keniana Chepngetich (foto iaaf)
Record mondiale di mezza maratona a Istanbul della keniana Chepngetich (foto iaaf)

Nella N Kolay Istanbul Half Marathon, record mondiale di mezza maratona nella corsa femminile, a firma della campionessa mondiale di maratona, la keniana Ruth Chepngetich, che in 1h04’02” ha sottratto la bellezza di 29 secondi al limite dei 21,097 chilometri stabilito dall'etiope Ababel Yeshaneh (1h04:31 a Ra's Al-Khaymah il 21 febbraio 2020). Per non farsi mancare nulla, ovviamente è stato migliorato anche il world best sui 20 km in 1h00:43 (precedente 1h01:11 nella gara di cui sopra della Yeshaneh). La Chepngetich diventa la prima donna nella mezza maratona con passaggi monstre con 15:07, 30:21, 45:30 (seconda all-time) e la migliore prestazione mondiale al 20° chilometro.

OBIRI ESORDIO SUPER - Sotto il vecchio world best sui 20 km anche la seconda, l'etiope Yalemzerf Yehualaw (1h01:05 e 1h04:40 al traguardo, terzo tempo all-time) e la straordinaria debuttante Hellen Obiri, 1h01:18 al 20esimo km e finish galattico in 1h04:51, sesto crono assoluto di sempre e miglior esordio nella storia della distanza. Best ever marks, ovviamente, dalla prima alla quarta posizione, dove Joan Chelimo (1h05:09) ha chiuso vicinissima al personale. Tredicesima l'italiana ex-ucraina Sofiia Yaremchuk (Acsi Italia Atletica), in 1h12:18. La Yaremuchuk, italiana da fine 2020, aveva già ottenuto 1h11:20 a Siena il 28 febbraio di quest'anno. Ha un personal best di 1h10:33, risalente al successo nella mezza maratona di Terni del 12 gennaio 2020.

KANDIE VINCE - Nella gara maschile, film previsto con il duello tra l'attuale primatista mondiale Kibiwott Kandie (57:32 a Valencia quattro mesi fa) e quello spodestato e pluricampione del mondo sulla distanza Geoffrey Kamworor (58:01, Copenhagen 2019). Dopo un lungo testa a testa, Kandie ha preso il vantaggio sufficiente per imporsi su Kamworor, vincendo in 59:35 sul connazionale (59:38). Sotto l'ora, anche gli altri due keniani Roncer Kipkorir (59:46) e Leonard Barsoton (59:59), Tra i due, l'etiope Walelegn, quarto in 59:48.

Fonte Fidal

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti