Quattro Colli Urban Trail

Di GIANCARLO COSTA ,

Danilo Brambilla (foto Cinzia Corona)
Danilo Brambilla (foto Cinzia Corona)

San Giovanni, Caneve, Roncarro e Mulini, i quattro “colli” del monte Canto che danno il nome alla manifestazione non competitiva che ha preso il via dall’oratorio di Carvico alle ore 20.00, con il trial di Alessandro Chiappa a guidare il gruppo. «Una corsa da gustare in tranquillità», diceva lo slogan della Quattro Colli Urban Trail, e in effetti la maggior parte dei concorrenti ha seguito l’indicazione.

Ma nelle posizioni di testa il gas è stato acceso, e Danilo Brambilla, skyrunner la cui stagione 2018 è stata quella della ‘consacrazione’, ha sfruttato il percorso di Carvico per fare un ottimo allenamento in ottica, evidentemente, della Maga Skyrace. 39’05” il tempo che gli ha consentito di tagliare per primo lo striscione d’arrivo. Dietro di lui il local Benedetto Roda in 39’40” e Dario Rigonelli in 39’44”. A seguire Lorenzo Rota Martir in 39’50” e Cristian Pesenti in 41’50”.

Un ‘drink’ estivo, veloce fresco e divertente, ottenuto shakerando percorso su strada e su sterrato, che al femminile ha visto giungere per prima sotto l’arco del traguardo Roberta Feliciani in 51’40”. Troviamo poi Eleonora Mapelli in 57’20”, Anna Orlandi in 58’00”, Maddalena Novella in 1h netta e Ivonne Buzzoni in 1h01″.

La Quattro Colli Urban Trail è stata organizzata dalla Asd Carvico Skyrunning sotto la regia di Alessandro Chiappa in collaborazione con Chima Games. Una festa estiva, prima di tornare alla massima concentrazione per preparare l’evento principale del calendario Carvico: la Sky del Canto della prossima primavera.

Fonte organizzazione

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti