Presentata La Trenta Trentina (TN)

Di MARCO CESTE ,

unnamed.jpg
unnamed.jpg

E’ stata presentata questa mattina nella sede dell’Azienda per il Turismo della Valsugana la terza edizione del “La Trenta Trentina” gara di trenta chilometri che attraverserà luoghi incantevoli della Valsugana come il laghi di Levico e di Caldonazzo.
In programma domenica mattina ci saranno tre gare, la gara più lunga con partenza alle ore 10 da via Vittorio Emanuele a Levico, la “Duo Half” gara a staffetta, e la non competitiva “Dal Castello al Lago” di nove chilometri con partenza dal centro di Pergine (Piazzetta Fruet) e arrivo sotto il traguardo de La 30 Trentina sul lungo Lago di Levico.
A fare gli onori di casa è stato il direttore dell’Azienda per il Turismo della Valsugana Luca d’Angelo. «La Trenta Trentina - ha detto il direttore - ha un’importante valenza turistica per il nostro territorio, in queste prime edizioni il numero degli iscritti è aumentato in modo esponenziale, inoltre la bellezza del nostro territorio è un valore aggiunto che richiama soprattutto atleti provenisti da tutta Italia. Il nostro sguardo per i prossimi anni si rivolge verso il panorama internazionale».
Sono della stessa idea i sindaci di Levico Terme, Michele Sartori, e il sindaco di Pergine, Roberto Oss Emer. «Nei nostri territori - ha ribadito il sindaco Michele Sartori - in questi ultimi anni sono stati teatro di manifestazioni sportive importanti. Qualche tempo fa questi sport erano considerati minori, ma che sono perfettamente coprenti con la natura del nostro territorio. Nei nostri territori questi sport trovano l’habitat ideale, inoltre si sposano perfettamente con la promozione del territorio». «Da sportivo praticante - ha detto il sindaco di Pergine - questa manifestazione è un’ottima preparazione per le grandi maratone autunnali, quindi il mio suggerimento è quello di lavorare anche sulla promozione di questa importante elemento».
Anche l’assessore del comune di Calceranica Andrea Tasin, ha ribadito l’importanza di avere aggiunto al programma della manifestazione la prova non competitiva aperta a tutti.
«Sicuramente il valore aggiunto della manifestazione - ha detto Luca Zeni, consigliere della provincia di Trento - è la bellezza del nostro territorio. Il successo, oltre alla professionalità degli organizzatori, è dato dal giusto mix tra territorio, periodo temporale e chilometraggio».
In rappresentanza di tutti gli sponsor che contribuiscono alla buona riuscita della manifestazione ha preso la parola Franco Senesi, presidente delle Casse Rurali Trentine e del Mediocredito Trentino-Alto Adige S.p.A «Noi è dalla prima edizione che appoggiamo questa manifestazione - ha sostenuto Senesi - quindi vedere i numeri che negli anni sono lievitati mi rende molto soddisfatto e mi conferma la bontà del progetto».
Massimo Pegoretti, presidente dell’Associazione Non solo Running e Isidoro De Bortoli hanno illustrato gli elementi più tecnici della manifestazione. «Oltre a ringraziare tutte le istituzioni e i nostri partner - ha detto Pegoretti - voglio dire grazie a tutti i volontari, oltre 150, che saranno impegnati domenica mattina. Per quanto riguarda i top runners avremo in startlist i fratelli Crippa, un occasione importante per misurarsi sulle lunghe distanze».
«Quelli di domenica saranno numeri importanti - ha detto Isidoro De Bortoli - se da una parte ci rendono orgogliosi dall’altro ci spaventano un po’ perché vorrà dire che tutto dovrà essere fatto a regola d’arte. Il mio ringraziamento va a Gian Pietro Slongo, presidente dell’Associazione Giro delle Mura che si occuperà di allestire la zona di partenza».
In conclusione della presentazione ha preso la parola Gaia Volta, avvocato e procuratore sportivo, responsabile dell’organizzazione della non competitiva “Dal Castello al Lago”. «Grazie all’intervento del gruppo Zock Gruppe - ha detto la Volta - domenica la camminata che partirà da perline sarà un bellissimo momento di festa, di aggregazione e di solidarietà. Voglio ricordare che i proventi di questo evento saranno devoluti all’Ail, un’occasione per aiutare grazie allo sport le persone che ne hanno bisogno».

comunicato stampa



Può interessarti