A Pramollo vincono Manuel Bortolas e Marina Plavan, il Circuito La Sportiva Vertical Sunsets va a Paolo Bert e Nadia Re

Di GIANCARLO COSTA ,

Il podio maschile finale del circuito La Sportiva Vertical Sunset
Il podio maschile finale del circuito La Sportiva Vertical Sunset

I presupposti per la grande festa c'erano tutti e così è stato. L'ultima tappa la "4^ Amount per la Voouta" del Circuito La Sportiva Vertical Sunsets svoltasi a Pramollo ha visto 180 partecipanti alla gara di 2,2 km con un dislivello positivo di 370 metri, qualche metro in meno rispetto all'anno scorso dovuto ad una modifica di percorso nella parte finale, ma immutato il dislivello.

Con i big tutti presenti tranne Nadia Re, ferma per una infiammazione, gli atleti si sono dati battaglia senza risparmiarsi, infatti in gioco oltre alla tappa c'era la Classifica Assoluta del Circuito che ha visto dopo la 6^ tappa ben 305 singole presenze al maschile e 66 femminili per un totale di 371 singoli atleti, che sull'intero Circuito ha raggiunto 1200 circa presenze in sole 6 gare organizzate tutte rigorosamente di sera al tramonto con partenza del primo atleta alle 19,30. Formula che già l'anno scorso nella 1^ edizione del Circuito aveva destato molto interesse tra gli atleti specialisti di montagna e vertical ma non solo, sono state infatti tante anche le presenze dei cosiddetti "liberi" cioè atleti non tesserati a società e di atleti sicuramente pià avvezzi alla strada e alla pianura, a dimostrazione che la formula piace e che in questa 2^ edizione ha ottenuto ancora più consenso.

Ma veniamo alla prova di Pramollo, percorso molto bello che si sviluppava nella prima parte su una vecchia mulattiera con pendenze impegnative proprio all'inizio. Al maschile l'ha spuntata per la prima volta Manuel Bortolas con un ottimo 13'37'', atleta targato Applerun Team, che quest'anno è in gran forma e soprattutto in continuo crescendo, alle sue spalle un sempre più incisivo Giovanni Bosio del G. S. Des Amis della Val Sangone e sul gradino più basso del podio un mai stanco Paolo Bert, che nonostante l'infortunio della scorsa settimana giungeva ad una manciata di secondi dai primi due chiudendo in 13'48''. Al femminile visto lo stop per infortunio di Nadia Re, ma già saldamente in testa al Circuito, la battaglia era tutta tra le "solite note" che in queste sei sere si sono alternate sul podio dietro l'atleta delle Valli di Lanzo. Questa volta l'ha spuntata Marina Plavan, Atletica Valpellice che ha fermato il cronometro a 17'50'' staccando la seconda e compagna di squadra di quasi 1 minuto Cinzia Chiri, terza classificata Mirella Cabodi che per un solo secondo la spuntava su Monica Bruno Franco.

Al termine della gara dopo il pastaparty organizzato dalla Prololoco di Pramollo al quale hanno partecipato atleti amici e parenti per un numero ampiamente superiore alle 200 unità, oltre alle premiazioni della prova di Pramollo si sono svolte anche le premiazioni del Circuito, classifica Assoluta e classifiche di Categoria.

Per la Classifica Assoluta ecco i risultati:

Classifica Femminile

1a Nadia Re 990 pt. TTA, 2a Marina Plavan 960 pt. Atletica Valpellice, 3a Monica Bruno Franco 930 pt. Podistica Valle Infernotto, 4a Cinzia Chiri 924 pt. Atletica Valpellice, 5a Mirella Cabodi 902 pt. Atletica Cumiana Stilcar A

Classifica maschile: 1° Paolo Bert 980 pt. Podistica Valle Infernotto, 2° Giovanni Bosio 960 pt. G. S. Des Amis, 3° Manuel Bortolas 935 pt. Applerun Team.4° Fabio Bonetto 918 pt. Atletica Valpellice, 5° Patrick Pascal 884 pt. Libero

Fonte organizzazione

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti