La Podistica Valle Varaita domina il 25º Raduno alla Certosa di Pesio (CN)

Di MARCO CESTE ,

Il podio maschile
Il podio maschile

Il Raduno Podistico alla Certosa di Pesio ha compiuto un quarto di secolo. E per festeggiarlo, in più di 170 si sono ritrovati ieri mattina a Chiusa Pesio, in borgata Certosa, in una bellissima giornata di sole che ha reso l'evento ancora più piacevole. Una gara di corsa in montagna che ha visto presenti appassionati, esperti e anche alcuni fra i migliori atleti provinciali della specialità.

La manifestazione è stata organizzata dalla Podistica Amatori Mondovì-Chiusa Pesio, con la collaborazione del comune di Chiusa Pesio, e oltre alla gara competitiva d 9 chilometri, prevedeva anche la passeggiata ecologica, di 5 chilometri e aperta a tutti.

Decisamente suggestivo il tracciato di gara, che si è sviluppato quasi tutto sui sentieri sterrati attraverso i boschi della borgata. Unico passaggio importante sull'asfalto quello di circa un chilometro in discesa, nella parte conclusiva della gara. Per il resto percorso tipicamente di montagna, per molta parte coperto dall'ombra delle piante boschive, cosa certamente apprezzata da tutti gli atleti vista la temperatura assai elevata. Un dislivello non troppo elevato, circa 400 metri con solo un paio di strappi realmente cattivi, il che ha fatto sì che la corsa fosse piuttosto veloce.

Corsa che è stata dominata dalla Podistica Valle Varaita, sia in campo maschile, sia in quello femminile. Fra gli uomini è arrivata addirittura una doppietta, con Simone Peyracchia, classe 1986, che ha vinto con il tempo di 34'45", davanti al compagno di squadra Manuel Solavaggione, classe '89, giunto al traguardo con un ritardo di 10". Terza piazza per il più esperto Enrico Chiapello della Podistica Caragliese.

Peyracchia ha trionfato con una gara praticamenre perfetta, come lui stesso ha spiegato a fine gara: "Il tracciato era adatto alle mie caratteristiche. Sono partito tranquillo e a metà gara sono riuscito a rientrare sui due di testa. E' nel tratto di salita più duro che ho allungato e me ne sono andato e in discesa ho solo cercato di gestire il vantaggio".

Fra le donne la vittoria è andata quindi a un'altra componente della Podistica Valle Varaita, Maria Elena Bagnus, classe 1981, che con 39'42" ha preceduto Nadia Pellegrino del Boves Run e Morena Almonti della Ferreo ASD. La Bagnus ha preso la testa della gara dal secondo chilometro, ha sfruttato la sua progressione e soprattutto la sua abilità nella parte più tecnica del tracciato. A fine gara si è detta molto soddisfatta, perchè "Questa vittoria è per me un importante incentivo per continuare ad allenarmi in salita ed essere sempre più competitiva in gare di corsa in montagna anche molto più dure".

Simone Peyracchia, il grande protagonista di giornata, spiega i diversi motivi per cui è molto felice per la sua vittoria: "Prima di tutto posso dedicare il mio trionfo a mio cugino Michele, che martedì prossimo avrebbe compiuto vent'anni. Poi, questa è la prima vittoria individuale dopo il lungo e infortunio e, con il dominio di oggi, abbiamo dimostrato di essere molto forti anche senza i Dematteis. Infine, un saluto a tutti i lettori di Running Passion!"

Classifica completa in allegato



Può interessarti