Ossola Trail: successi per Emanuela Brizio e Luca Carrara nella 27 km, Rolando Piana e Arianna Regis nella 17 km

Di GIORGIO PESENTI ,

Emanuela Brizio (foto team Valetudo Skyrunning)
Emanuela Brizio (foto team Valetudo Skyrunning)

Duecentosessantaquattro atleti della corsa in montagna si sono ritrovati domenica 12 aprile nella piazzetta principale di Mergozzo (VB) sulla panoramica riva di questo splendido lago accanto al simbolo di questo delizioso borgo lacustre, il secolare olmo, completamente cavo, sostenuto da una solida imbragatura di ferro. Il meteo ha sbalordito tutti e già alla partenza delle ore 09.00 il cielo ero sereno e il re sole, con i suoi lucenti raggi, ha agito indisturbato procurando un tepore primaverile molto gradito.

Le gare in programma sono state due, la 17 km che presentava un dislivello complessivo di 2400 metri mentre la gara lunga con i suoi 27 km aveva in gobba 3800 metri di dislivello totali. Il tracciato di gara è stato esageratamente bello e tecnico specialmente nella prima e lunga salita che da Bracchio proseguiva per l’alpe Vercio, la colma di Vercio e sugli impegnativi strappi del monte Faiè a quota 1250 metri, da qui il panorama sulla Val Grande e sui laghi di Mergozzo e lago Maggiore è stato a dir poco eccezionale, poi il primo tratto di discesa che ci riportava a Vercio, tra gradoni naturali e radici sporgenti aggrovigliate nel terreno, è stato uno sballo divertentissimo.

Nell’Ossola Trail 17 km il più lesto ad arrivare a bordo lago all’ombra dell’Olmo è stato l’aquila della Valetudo skyrunning Italia Rolando Piana, per il top runner di Domodossola il time è stato 1h37’28”, 2° Zamborini Enrico team Genzianella, 3° Matli Paolo 1h54’21” società Endurance, per la Valetudo skyrunning Italia 48° Pesenti Giorgio e 68° Zigiotto Tiziano. Nella 17k femminile prima Regis Arianna in 2h13’00”, seconda Dormetti Francesca 2h22’00” team Betti’s Group Run e terza Cortini Claudia Avis Ossolana 2h30’15”.

Nella gara da 27 km, in aggiunta al percorso della 17 km, è stato scalato uno strappone di 700 metri di dislivello con la successiva discesa che ha riportato tutti i trailer all’ombra dell’olmo. Nel trail femminile l’aquila rosa Valetudo Emanuela Brizio ha disputato la prima gara lunga del 2015 e nonostante una preparazione ancora deficitaria ha centrato il suo primo successo con le scarpette da running con il tempo di 3h12’23”, argento per un’altra Valetudo rosa Piemontese Carmela Vergura in 3h55’31”, terza piazza per Muraro Karin 3h55’53”. Nella gara maschile successo per il bergamasco Luca Carrara in 2h35’53” team Mammut, argento per Trisconi Stefano team Dynafit Italia 2h46’26”, terzo Gazzola Marco 2h50’04”.

Complimenti al comitato organizzatore e a tutti i volontari sul percorso.

Per classifiche: http://www.ossolatrail.com/

Di Giorgio Pesenti

  • Sono nato a Brembilla, nel bergamasco, e ora vivo a Almenno San Salvatore. Dal 2004 sono presidente della Valetudo skyrunning e collaboro con il network OutdoorPassion dal 2011.



Può interessarti